Home > PARTITI & DINTORNI > On. Paglia (Sel): Franceschini faccia chiarezza su bando fantasma MIBACT

On. Paglia (Sel): Franceschini faccia chiarezza su bando fantasma MIBACT

sel
Tempo di lettura: 3 minuti

da: organizzatori

L’8 maggio 2014 si chiudeva un bando del MIBACT finalizzato a finanziare progetti a rete di miglioramento dell’offerta turistica.
La disponibilità finanziaria non era elevata, 8 milioni di euro, ma l’intenzione positiva: incentivare le sinergie fra operatori, premiando l’innovazione e il protagonismo dei soggetti imprenditoriali.
A distanza di 15 mesi non se ne sa più nulla.
I progetti sono stati presentati, il bando chiuso regolarmente, ma da allora non si ha notizia di un esito e tutte le richieste di informazioni dei partecipanti sono cadute nel vuoto della peggiore prassi burocratica.
La cosa diventa comica se si pensa che uno degli intenti dichiarato dal MIBACT era premiare chi avesse promosso utili interazioni con EXPO.
Ma soprattutto è grave il danno che si produce alla credibilità dell’Istituzione, che appare incapace di dare seguito a proprie autonome decisioni in tempi compatibili con l’attività di impresa.
Ho depositato oggi un’interrogazione per sapere se i fondi siano ancora disponibili e perché si sia prodotto un simile ritardo.

Premesso che:
Il 13 febbraio 2014 il MIBACT emette un bando “PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DELLE RETI DI IMPRESA OPERANTI NEL SETTORE DEL TURISMO (D.M. 8.1.2013)”, con scadenza 8 maggio 2014.
Obiettivo del bando era “promuovere e sostenere i processi di integrazione tra le imprese turistiche attraverso lo strumento delle reti di impresa, con l’obiettivo di supportare i processi di riorganizzazione della filiera turistica, migliorare la specializzazione e la qualificazione del comparto e incoraggiare gli investimenti per accrescere la capacità competitiva e innovativa dell’imprenditorialità turistica nazionale, in particolare sui mercati esteri”.
Il contributo massimo erogabile a favore di ciascuna rete appositamente costituitasi era di euro 200.000, a fronte di investimenti minimi di euro 400.000.
Dalla data di chiusura, non si è avuta alcuna notizia dell’esito né di conseguenza sono stati erogati finanziamenti.
È evidente che questo può aver prodotto difficoltà ai soggetti partecipanti, indotti ad attendere per mettere in campo progetti che avrebbero potuto essere altrimenti indirizzati o finanziati, e che hanno rappresentato un costo in termini di ideazione e prima implementazione.
Ciò che appare più grave è tuttavia il danno che si produce alla credibilità dell’Istituzione, che appare incapace di dare seguito a proprie autonome decisioni in tempi compatibili con l’attività di impresa.
Si deve aggiungere che negli oltre 15 mesi trascorsi il Ministero non ha fornito alcuna motivazione del ritardo intervenuto, nonostante sia stato più volte sollecitato in tal senso dagli operatori partecipanti, aggravando così quella sensazione di distanza burocratica che tanti danni produce alla reputazione della nostra Pubblica Amministrazione e al buon funzionamento del sistema economico.
Chiede
Se gli 8 milioni messi a disposizione dal Bando siano ancora stanziati o se siano stati invece distratti verso altre finalità.
Quale tempistica si sia in grado di garantire per il completamento della fase di selezione dei progetti vincitori e quindi per l’erogazione dei finanziamenti previsti.

On. Giovanni Paglia

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi