1 Maggio 2017

Ong e business dell’immigrazione, Save The Children respinge le accuse: “Nulla a che fare con gli scafisti”

Simona Gautieri

Tempo di lettura: 4 minuti

Non passa giorno senza che i telegiornali nazionali non ci aggiornino del numero di migranti morti in mare nel disperato tentativo di raggiungere le coste italiane a bordo di imbarcazioni di fortuna. Il Mediterraneo è ormai un immenso cimitero dove nel 2016 hanno perso la vita oltre 5mila persone: uomini, donne e bambini in fuga da guerre e povertà e salpati dalle coste libiche dove gli abusi perpetrati ai loro danni sono una costante fuori controllo. Il 2017 si profila anche peggiore dell’anno precedente se si considera che sono già più di mille le persone scomparse in mare dall’inizio dell’anno.
A prestare soccorso in mare sono impegnati in tanti: Guardia Costiera, spesso anche semplici marinai e soprattutto le Ong. Ed è su di loro che, di recente, si è abbattuta una bufera di polemiche e accuse scatenate dalle dichiarazioni del vicepresidente della Camera dei deputati Luigi Di Maio. Prendendo spunto dal rapporto 2017 dell’agenzia europea Frontex, e da una inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Catania, Di Maio ha sostenuto che “le Ong sono accusate di un fatto gravissimo, sia dai rapporti Frontex che dalla magistratura: di essere in combutta con i trafficanti di uomini, con gli scafisti, e addirittura, in un caso e in un rapporto, di aver trasportato criminali – e aggiunge – vogliamo vederci chiaro, sapere chi finanzia il business dell’immigrazione“.

La reazione indignata delle Ong che portano soccorso ai migranti non si è fatta attendere e Save The Children, Medici senza Frontiere (che “valuterà in quali sedi intervenire a tutela della propria azione, immagine e credibilità”) e Intersos hanno stigmatizzato accuse ritenute infamanti per tutti gli operatori che quotidianamente lavorano per salvare vite umane.

“Noi siamo dove dobbiamo essere” dichiara deciso Michele Prosperi, portavoce per l’Italia di Save The Children la più importante organizzazione internazionale indipendente impegnata a salvare i bambini in pericolo e a promuovere i loro diritti. Lo raggiungiamo al telefono per far chiarezza nella nebulosa di accuse e contro accuse che si sono succedute in questi giorni sull’operato delle Ong avanzate, oltre che da Di Maio, dal pm Carmelo Zuccaro titolare dell’inchiesta presso la Procura di Catania. “Le operazioni di soccorso in mare non nascono dal nulla ma servono per rispondere a una emergenza umanitaria contingente: quella delle centinaia di persone che da anni, ogni giorno, sbarcano sulle coste italiane. Cerchiamo di fare tutto ciò che è necessario, agendo in totale trasparenza, nell’utilizzo dei fondi e nella rendicontazione di ciò che facciamo, per sopperire a ciò che la politica non è ancora riuscita a disciplinare. Non sono mai stati creati dei corridoi umanitari per permettere alle persone di poter fuggire ‘in sicurezza’ dalle situazioni di guerra e violenza che si lasciano alle spalle. Ma queste persone non hanno alternative: i fattori di emergenza, guerra, carestia, violenza non lasciano loro dubbi sulla necessità di partire. Partono anche se pienamente consapevoli dei rischi e delle tante persone morte prima di loro tentando la fuga. Ma lo fanno lo stesso spinti dalla disperazione”.

E continua: “Dobbiamo aiutare le persone a capire che ci stiamo lasciando ingabbiare dalla convinzione che o aiutiamo queste persone nei loro paesi d’origine oppure li accogliamo nei nostri. Ma non ci deve essere questa alternativa: le strade da percorrere sono entrambe. Lo sforzo per fermare la guerra in Siria o per agire sulle emergenze alimentari in Africa deve procedere di pari passo con le operazioni di ricerca e soccorso in mare. Raccogliamo migliaia di testimonianze delle persone che riescono ad attraversare il mare: ci sono ragazze eritree che prima di partire si fanno fare delle punture di ormoni per entrare in menopausa, sicure che durante il viaggio fino alla Libia verranno ripetutamente violentate. Ho conosciuto personalmente minori non accompagnati che si sono imbarcati nonostante fossero a conoscenza che fratelli o parenti, partiti prima di loro, erano annegati in mare. Ai trafficanti non importa nulla se queste persone sbarcheranno vive o moriranno in mare. Ciò che interessa sono i soldi che se ne possono ricavare. In Grecia abbiamo soccorso naufraghi che erano stati dotati dagli scafisti di salvagenti di polistirolo”.

Sulle accuse mosse all’operato delle organizzazioni non governative, Prosperi ribadisce senza mezzi termini che “è gravissimo sollevare delle accuse alle Ong che sopperiscono alla carenza oggettiva di interventi politici davanti ad una emergenza umanitaria certa. Gettare ombre e discredito non aiuta a fare chiarezza ma mette a repentaglio la prosecuzione delle operazioni di ricerca e soccorso in mare. Sottolineo ancora una volta che questi programmi di aiuti sono decisi e attuati in coordinamento con la Guardia Costiera e che la nostra nave ‘Vos Hestia’ opera in acque internazionali e non è mai entrata in acque libiche. Noi non siamo mai venuti a contatto con i trafficanti. Noi operiamo sull’aspetto umanitario del soccorso in mare: accogliere chi sbarca, curare i feriti, dare soccorso alle donne, bambini, minori non accompagnati. Ci sono poi le autorità competenti che procedono all’identificazione di chi sbarca”. Ci lasciamo al telefono con una riflessione finale: “Chi sostiene che il fattore di attrazione del soccorso in mare andrebbe eliminato, dichiara implicitamente che è pronto a correre il rischio di vedere centinaia di persone morte per provare questa sua teoria. In Grecia, nonostante in blocchi posti, sono arrivate, l’anno scorso, 4.823 persone. E continueranno ad arrivare perché fuggono da situazioni talmente disperate che accettano il rischio di morire”.

(Immagine di copertina, fonte: Save The Children Italia)



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simona Gautieri

Simona Gautieri

Ti potrebbe interessare:

  • GUERRA e PACE

  • PAROLE e FIGURE /
    Bruttina a chi? A me no di certo…

  • Davanti al maestro e alla maestra passa sempre il futuro

  • Bosco del Corniolino

    IL BOSCO DEL CORNIOLINO
    e gli altri boschi: da comprare per conservarli intatti

  • Lampedusa

  • Arriva «Ultimo Rosso» seconda edizione
    La poesia itinerante a Ferrara: Sabato 8 ottobre

  • INTERNAZIONALE 2022
    L’età e la vita nel cambiamento

  • Storie in pellicola / Favino fuoriclasse

  • SARURA di Nicola Zambelli

  • MILANO, ROMA, BOLOGNA…”SIAMO TUTTI MASHA”
    Le piazze si riempiono di solidarietà alle donne iraniane

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi