Home > IL QUOTIDIANO > OPINIONI
Intercettazioni? Lei non sa chi sono io

OPINIONI
Intercettazioni? Lei non sa chi sono io

toto-onorevole
Tempo di lettura: 4 minuti

L’Italia, è noto, non gode di buon credito per quanto riguarda la libertà di informazione. Nel ranking mondiale si colloca al settantatreesimo posto. Ora la legge sulle intercettazioni, voluta da Renzi con decreto del governo (neanche del Parlamento), peggiorerà ulteriormente le cose… Evviva!
Le ‘riforme’ renziane vanno sempre dritte al sodo: quella della Rai si accompagna alle critiche ai talk-show, a un’insofferenza manifesta verso l’informazione libera, e risulta anch’essa funzionale e coerente al disegno di una destra di potere che punta al pensiero unico e prevede per il caro leader solo elogi e battimani. La legge in discussione, pacchianamente spacciata come riforma atta a tutelare la privacy dei cittadini, è un obbrobrio e una presa in giro. Primo, perché i cittadini perbene coinvolti erroneamente in intercettazioni (pochissimi) possono ricorrere alle leggi già esistenti per chiedere soddisfazione; secondo, perché tutte le intercettazioni richieste dai magistrati vanno autorizzate e sono rivolte sempre verso individui sospettati di reato.

L’attacco continuo alla libera informazione come alla magistratura – con la legge sulla responsabilità civile – puntano a difendere ‘quelli che contano’, quelli che al grido del “lei non sa chi sono io” fanno strame della legalità o dell’etica pubblica. Si stanno archittetando nuovi livelli di impunità per la casta, la politica sporca, gli intrallazzi.
Magistratura, giornalismo, specie d’inchiesta (si pensi ai grandi servigi che rende alla verità una giornalista come Milena Gabanelli), vanno ridimensionati se non zittiti. Pubblicare solo intercettazioni che riguardano ipotesi di reato? E solo dopo che un tribunale si è espresso? Campa cavallo… Siamo il paese dei cavilli, dei corsi e ricorsi, delle prescrizioni e che ora aggiunge un tassello in più a favore degli imputati: vietato produrre nelle aule giudiziarie prove processuali ‘rubate’ (che vuol dire?) ai giudicanti. Anche per i giornalisti ci sono sanzioni se intervistano o filmano di soppiatto personaggi o situazioni degne di cronaca. Prima il galateo, poi il resto. Ma l’argomento forte per i garantisti d’alto bordo in servizio permanente effettivo sta nel divieto di pubblicizzazione di intercettazioni che coinvolgano altre persone entrate in contatto ‘occasionalmente’ con sospettati. Una formulazione ad hoc per quei politici e potenti che se pescati in compagnia o al telefono o fotografati con sospettati, rinviati a giudizio o addirittura condannati, si trincerano dietro l’ignoranza o l’occasionalità della circostanza e quindi la non gravità del fatto.

Una domanda: esiste la privacy per chi fa politica o dirige enti e istituzioni pubbliche importanti? Se esiste ha margini ristrettisimi. Per costoro si applica un ‘di più’ che si assomma alla valutazione dei reati (ci mancherebbe!) e ricomprende anche scelte inopportune o sconvenienti di cui devono dare conto non a un tribunale, ma alla pubblica opinione. Devono sapere e rispondere di chi incontrano, chi li finanzia e perché, con chi pranzano, a chi telefonano… E’ giusto che il Berlusconi di Ruby e delle olgettine venga ‘conosciuto’ dai cittadini-elettori italiani anche per la sua discutibile vita privata? Sì se è Presidente del Consiglio, perché diviene ricattabile (ed è ciò che è avvenuto). E’ giusto essere informato che il deputato X, caloroso sostenitore del family day, un giorno, anzi una notte, viene pescato in un albergo con una prostituta e droga annessa? Se va proclamandosi acerrimo nemico della criminalità organizzata e poi va a portare la propria solidarietà a Dell’Utri e Cosentino in carcere perchè condannati per contiguità con mafia e camorra è un dato pubblico o privato? Le intercettazioni hanno sollevato i casi Lupi, Cancellieri, De Girolamo, Fassino (“abbiamo una banca”), la strana telefonata di Renzi a un generale della finanza, i due imprenditori che sghignazzavano sul terremoto dell’Aquila – alla faccia della funzione sociale dell’impresa come recita la Costituzione – e via razzolando, vanno raccontati o no? E’ questo il sottobosco che si vuole sottrarre all’attenzione degli italiani con la nuova legge.
Va detto chiaro e forte. Si vuole un’informazione dimezzata che taccia sui tanti dottor Jekill e mister Hide che circolano nelle aule parlamentari o nelle alte sfere. Il reato peggiore per chi esercita un ruolo pubblico è predicare bene e razzolare male. “O tempora o mores” recitavano gli antichi. Io completo: con il renzismo imperante “mala tempora currunt”.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PRESTO DI MATTINA
Le mani della libertà
PRESTO DI MATTINA
OBBEDIENZA E LIBERTÀ: la Nuova Legge di Enzo
UN FANTASMA SI AGGIRA PER IL MONDO
Contro lo sterile e violento esercizio iconoclasta
BERLINO, 26 GIUGNO 1963. JOHN F. KENNEDY:
«promuovere la libertà ovunque, oltre il muro per un giorno di pace e giustizia»

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi