Home > COMUNICATI STAMPA > Ordinazione Episcopale Mons. Perego, gli auguri della Società di San Vincenzo De Paoli

Ordinazione Episcopale Mons. Perego, gli auguri della Società di San Vincenzo De Paoli

Shares

Da Ufficio Stampa
Società di San Vincenzo De Paoli

Mons. Gian Carlo Perego, Direttore Generale di Migrantes, è stato eletto Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa. La cerimonia di ordinazione Episcopale si è svolta sabato 6 maggio nella Cattedrale di Cremona, alla presenza del Card. Giuseppe Betori, Arcivescovo di Firenze e di Mons. Nunzio Galantino, Segretario Generale della CEI.

A presiedere l’Eucaristia è stato il Vescovo di Cremona, Mons. Antonio Napolioni. La consacrazione è stata affidata a Mons. Luigi Negri, già Vescovo di Ferrara-Comacchio e Mons. Guerino Di Tora, Vescovo Ausiliare di Roma e presidente della Fondazione Migrantes. Oltre 150 i sacerdoti concelebranti presenti, di cui una decina di rito orientale cattolico.
Quella che sogna Mons. Perego è una Chiesa vicina agli abbandonati, ai dimenticati, agli imperfetti. “Una Chiesa viva”, come ha dichiarato con gli occhi gonfi di lacrime; poi citando il Vescovo Enrico Assi ha aggiunto: “Una Chiesa giovane, povera, libera, fedele al Vangelo, aperta al dialogo, rispettosa degli ordinamenti delle istituzioni e docile allo Spirito Santo”.

Da sempre vicino alla Società di San Vincenzo De Paoli, il nuovo Arcivescovo di Ferrara-Comacchio ha collaborato con “Le Conferenze di Ozanam”, la Rivista nazionale delle Conferenze di San Vincenzo. “Speriamo che questa collaborazione possa proseguire ed incrementarsi” è l’auspicio di Claudio Messina, membro della Giunta Esecutiva, giunto a Cremona per assistere all’Ordinazione Episcopale di Mons. Perego, al quale è legato da profonda amicizia
Il Presidente della Federazione Nazionale Antonio Gianfico, e tutta la Società di San Vincenzo De Paoli, formulano al nuovo Arcivescovo di Ferrara-Comacchio i più fervidi auguri per il suo Ministero episcopale, insieme al grazie “per l’attenzione sempre crescente manifestata nei confronti degli ultimi, degli scartati, dei poveri e degli emarginati”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi