Home > PARTITI & DINTORNI > Ospedale del Delta
movimento5stelle
Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Movimento 5 Stelle

Negli ultimi giorni l’ospedale del Delta ha perso altri due grandi professionisti: l’urologo Maurizio Simone che a febbraio lascerà il nosocomio e l’anestesista Giulia Dallocchio. Due perdite che, unitamente alla ventilata chiusura del Punto Nascite, pongono seri interrogativi sull’effettiva capacità della classe politica dei comuni del Delta di rappresentarne i cittadini ed i diritti costituzionalmente garantiti. Facciamo nostre le parole del consigliere regionale Raffaella Sensoli che circa un mese fa sottolineava come la probabile chiusura del Punto Nascite dell’ospedale di Lagosanto fosse da imputare ad una precisa volontà politica, molto probabilmente la medesima volontà politica che ha concesso la deroga al Punto Nascite dell’ospedale di Cento e della quale non possiamo che rallegrarci. A questo punto sorgono spontanei i seguenti interrogativi: perché la medesima deroga non viene concessa al Punto Nascite dell’Ospedale di Lagosanto? In base quale principio il Punto Nascite dell’ospedale di Lagosanto risulta sacrificabile rispetto a quello di Cento? Il limite della decenza è stato ampiamente travalicato, conseguentemente chiediamo a tutti i sindaci del distretto Sud-Est di adoperarsi, unitamente, senza indugi e nelle opportune sedi non solo per la salvaguardia del Punto Nascite ma per l’inversione del progressivo processo di depauperamento e spogliazione dei servizi dell’ospedale del Delta, affinché torni ad essere il grande ospedale di un tempo. Il diritto alla salute fu concepito dai padri fondatori della Repubblica Italiana come “fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” (art. 32), è evidente che la situazione in essere dimostra come questo diritto sia stato ampiamente disatteso. Auspichiamo che i sindaci del distretto Sud-Est prendano coscienza della necessità di ristabilire del dettato costituzionale partendo dal presupposto che i diritti in esso sanciti non hanno colore politico e non possono essere in alcun modo piegati a logiche e calcoli particolari. Il Movimento 5 Stelle è disponibile fin da ora a fare fronte comune con tutti quei sindaci che decideranno senza riserve di adoperarsi per il riprestino della legittimità costituzionale ed il diritto alla salute dei cittadini del Basso Ferrarese.

Movimento 5 Stelle
Codigoro
Lagosanto
Fiscaglia

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi