Home > COMUNICATI STAMPA > Palestre e attività motoria adattata: un settore da valorizzare per la tutela della salute

Palestre e attività motoria adattata: un settore da valorizzare per la tutela della salute

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio Stampa Lega

«Occorre lavorare da subito per la ripresa delle attività nelle palestre (tra le quali quelle “certificate”) del territorio, che promuovono la salute e la qualità della vita dei cittadini con il loro prezioso lavoro». Il consigliere regionale leghista Fabio Bergamini guarda ad una “fase 2” che non trascuri, accanto alle attività economiche, anche quelle realtà che sono in grado di promuovere la salute. Come le palestre, alcune delle quali certificate dalle istituzioni, che sono in grado di mettere in campo percorsi di Attività Fisica Adattata (Afa; ndr) a favore di particolari categorie e, più in generale, concorrere al benessere e alla prevenzione delle patologie. «Non tutti sanno che l’attività fisica è un “farmaco” a tutti gli effetti – dice Fabio Bergamini – e che la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità ne riconosce gli effetti nel prevenire l’insorgenza delle patologie». Il prolungato isolamento e l’attività sedentaria a seguito dell’emergenza COVID-19, impongono però che si rimetta in moto un percorso virtuoso per la ripresa dell’attività motoria delle persone, che non è meno importante di quella economica, dal momento che riguarda la salute. «Il settore degli operatori delle palestre – ribadisce Bergamini – crea un enorme valore sociale in termini di mantenimento e miglioramento della qualità di vita, per cui la sospensione dell’attività motoria mette a rischio il quadro clinico di tante persone, oltreché l’economia di un settore che coinvolge tanti professionisti qualificati. Alcune strutture certificate del territorio affermano di poter garantire programmi di esercizi personalizzati e a domicilio». Per questi motivi, Fabio Bergamini ha indirizzato un’interrogazione alla Regione, per chiedere l’istituzione di un Comitato tecnico congiunto che, assieme agli operatori, possa definire un protocollo per arrivare in breve tempo alla riapertura delle Palestre della Salute e dell’Attività fisica adattata, «fondamentali – conclude Bergamini – per la qualità della vita dei cittadini».

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi