Home > BORDO PAGINA / RUBRICA > BORDO PAGINA
Paolo Orsatti, manager della cultura: “Ferrara preferisce i morti, dell’arte contemporanea non si cura”

BORDO PAGINA
Paolo Orsatti, manager della cultura: “Ferrara preferisce i morti, dell’arte contemporanea non si cura”

castello-nascimbeni

Da molti anni protagonista a Ferrara, come art director e promotore di numerose iniziative artistiche e culturali, Paolo Orsatti – particolarmente sensibile all’innovazione – oltre che manager è egli stesso apprezzato artista.

Facciamo uno uno zoom retrospettivo sulle sue attività?
Da circa vent’anni produciamo eventi d’arte e cultura in questa bella città, i cui meriti risalgono al Rinascimento relativamente al valore della cultura e dell’arte. Brevemente: l’ottava edizione della “Biennale Internazionale d’Arte di Ferrara”; “FeComics&Games”, la grande fiera per un percorso nel mondo dei cartoons e dei cosplayers; “Giardini Estensi”, una due giorni dedicati al modo del verde e della cultura sostenibile; infine, l’ultimo evento in fase di progetto, “La Guerra del Sale”, una rievocazione storica della guerra fra Ferrara e Venezia a cavallo del Cinquecento. L’“Idearte Gallery”, il nostro punto d’incontro per artisti emergenti, “produce non stop” mostre d’arte con artisti emergenti ma di comprovata qualità.

Tra avanguardia e arte contemporanea è il focus essenziale, esatto? L’avanguardia oggi?
L’avanguardia oggi non esiste, è la fine di un’epoca in cui l’arte poteva essere il volano della cultura. Abbiamo una babele di linguaggi che non fanno altro che replicare il passato dopo la stagione della videoarte, della perfomance e del concettuale non vi sono novità degne di nota.

Tra le iniziative quali sono secondo te le più rilevanti?
La “Biennale di Venezia” ci prova, Vincenzo Trione è un grande art-curator, possiede la stoffa per indagare nei meandri oscuri dell’espressione estetica.

Ferrara città d’arte o mito?
La città degli Estensi produce moltissimo, ma in termini di arte contemporanea è vicina allo zero assoluto. Preferisce i morti, a cui dedica spazi, rassegne e risorse.

Lavori in corso e progetti futuro prossimi?
Puntiamo a fletterci su ciò che l’attuale crisi economica ci impone. Lavorare con artisti “validamente emergenti”, ma che decidono di diffondere la loro arte a prezzi molto, molto bassi, rinunciando alla presunzione di salire velocemente l’Olimpo della celebrità.

Nota biografica:
Paolo Orsatti – Ferrarese, animatore e manager della cultura, ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Bologna e al Dams; vanta un significativo passato come artista, si dedica alla realizzazione di eventi d’arte in spazi di particolare rilevanza storica (varie mostre d’arte in alcune città d’Italia ed al Castello Estense di Ferrara). Innovatore e pianificatore di nuove visioni estetiche e promotore di artisti emergenti. Attualmente è l’animatore della “Biennale Internazionale d’Arte di Ferrara” giunta all’ottava edizione, è responsabile della “Idearte Gallery” di Ferrara in qualità di art dealer ed art advisor. È Presidente dell’associazione culturale Ferrara Pro Art, costituita a Ferrara nel 1997, attorno alla rivista “Palco”, come associazione no-profit con una propria sede operativa e relativo spazio espositivo. Suo principale fine è quello di promuovere iniziative ed eventi nel vasto e multiforme ambito dell’arte, della cultura e dell’estetica. L’associazione ha ottenuto l’iscrizione al registro delle associazioni di promozione sociale, riconoscimento ufficiale della Regione Emilia Romagna. La Pro Art favorisce, cura e realizza con notevole impegno e serietà avvenimenti di particolare rilievo, privilegiando un contenitore di grande valore storico: il castello Estense di Ferrara, ove ha realizzato in questi anni decine di mostra d’arte. È presente sui principali social network.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
L’era dell’incompetenza e i rischi per la democrazia
DIARIO IN PUBBLICO
Cambio di mano. Di fronte al nuovo
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Le parole chiave
APPELLO PER IL VOTO A MODONESI
Cambiare in meglio, contro l’onda oscurantista: hanno firmato in 240

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi