Home > IL QUOTIDIANO > PARERI
Le conseguenze dell’orrore: i ferraresi e la sicurezza dopo il delitto Tartari

PARERI
Le conseguenze dell’orrore: i ferraresi e la sicurezza dopo il delitto Tartari

Tempo di lettura: 5 minuti

La vicenda è nota e ha sconvolto la città: Pierluigi Tartari, ferrarese di 73 anni, è stato rapito un mese fa, il 9 settembre, da una banda di tre persone, entrate in casa sua per rubare. I rapinatori lo hanno aggredito per cercare di farsi dare soldi; quindi hanno trascinato il pensionato moribondo in un casolare diroccato sperso nella campagna, dove è stato ritrovato cadavere 18 giorni dopo. La dinamica del fatto e le circostanze sono al vaglio degli inquirenti. Ciò che emerge è l’orrore dovuto all’evidente brutalità e alla disumanità dei criminali.
Cosa pensano i ferraresi ora, a seguito di questo tragico ed efferato delitto: è cambiata la loro percezione del pericolo? Cosa farebbero per garantire la sicurezza e ridurre la criminalità? Abbiamo raccolto le loro impressioni. Non tutti gli interpellati accettano di parlare. Alcuni chiedono di restare anonimi. Chi si esprime lo fa manifestando timore e insofferenza, specie nei confronti degli immigrati. Si tratta di pronunciamenti estemporanei, emotivi, che hanno valore soggettivo. Il quadro che emerge è di sostanziale allarme. Una decina di testimonianze non può essere considerata rappresentativa dell’umore di una città, ma comunque indicativa di sentimenti evidentemente diffusi. Queste le loro voci.

Marinella, negoziante di via Cavour, 47 anni
Mi sento meno sicura già da un po’ di tempo. Una volta chiudevo la mia edicola a mezzanotte, adesso sono costretta a chiudere alle otto. La zona Gad è la parte di Ferrara più pericolosa, ma in generale i fenomeni di malvivenza stanno aumentando e la polizia ha le mani legate.

Anonimo, commerciante di via Garibaldi, 65 anni
La Gad è come il Bronx, non so se rendo l’idea. Poi se vai in via Oroboni stessa cosa, in stazione non ne parliamo: tutte zone dove è pieno di quella gente lì. Io è una vita che sono preoccupato. Hanno rapinato il mio negozio, hanno cercato di entrarmi in macchina, cose che lasciano il segno. La vicenda Tartari è stata una schifezza, potevano limitarsi a dargli due schiaffoni e lasciarlo lì, tanto avevano già tutto quello che volevano in mano. Io dico sempre una cosa: se mi danno un kalashnikov li faccio secchi tutti. Non perché sono razzista, ma perché oramai è diventata un’ossessione, li trovi dappertutto, non senti neanche più parlare l’italiano qua da noi. Se lavorassero, a me non disturberebbero. La Lega ha ragione, stiano a casa loro o tutti al muro.

Marco, edicolante di via Ariosto, 43 anni
Negli ultimi tempi la delinquenza è cresciuta, dalle periferie si è allargata fino in centro, dove risse, atti vandalici e furti sono all’ordine del giorno. Già qualche anno fa nella mia edicola ci fu una rapina, di prima mattina, quindi fin da allora potenziai i sistemi di sicurezza. E’ necessario filtrare l’arrivo degli immigrati in Italia se in futuro si vogliono evitare casi come questo di Tartari.

Anonimo, studente, 15 anni
La criminalità a Ferrara è aumentata molto negli ultimi due anni. Di pomeriggio sotto al McDonald’s della piazza mi sento in pericolo, mentre di sera piazza Ariostea è insicura. Per cercare di ridurre la frequenza di casi come quello di Tartari, la soluzione, secondo me, dovrebbe essere quella di aumentare la presenza di poliziotti nei vari luoghi, anche e soprattutto del centro, più frequentati da delinquenti.

Valeria, amica della famiglia Tartari, 65 anni
Sicuramente la delinquenza è aumentata. Negli ultimi anni do qualche mandata in più alla porta e chiudo la bicicletta a chiave: roba che, a Ferrara, una volta non faceva nessuno. La sera non giro più da sola, vado sempre con delle amiche, ci accompagniamo fin sotto casa e prima di aprire il portone ci guardiamo in giro.

Anonimo, agente di sicurezza, 50 anni
Io non mi sento più in pericolo dopo il caso Tartari, perché sono della sicurezza e sono uno di quelli che ha partecipato alle ricerche. Però c’è tanta più criminalità con questi dell’est. Negli ultimi dieci anni c’è stato un bell’aumento di questi casi, in particolare nella zona Gad e dintorni. La polizia può fare poco. Ci vuole un filtro su chi facciamo entrare in Italia, più controlli.

Anonima, insegnante, 45 anni
La vicenda Tartari è uno dei tanti casi di delinquenza accaduti ultimamente, io mi sento in pericolo. La zona Gad è una delle zone più pericolose, c’è tanta gente di colore e soprattutto uno spaccio continuo. Nessuno fa niente, è ora che prendano provvedimenti perché siamo tutti stanchi. Sono disposta a pagare, ma che stiano a casa loro, così almeno non ci ammazzano. L’altro giorno a Occhiobello stavano mettendo dentro il baule della macchina una ragazzina di dodici anni. C’è da aver paura, non si riesce neanche più ad uscire alla sera.

Ilaria, pensionata, 75 anni
Nell’ultimo decennio indubbiamente c’è stato un aumento di criminalità, dovuto a tanti fattori concomitanti. Guardando il resto del mondo, direi però che è un problema comune. Io non sono d’accordo con la Lega, non servirebbe a nulla ridurre l’immigrazione, perché comunque l’immigrazione c’è sempre stata. E a Ferrara, gli atti criminosi sono commessi soprattutto da romeni, che sono cittadini europei e non hanno bisogno del permesso di soggiorno.

Si ringrazia Lorenzo Minganti, che ha collaborato alla raccolta delle interviste.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
FUTURO SOSTENIBILE
“LE CITTA’ SIANO IL FULCRO DELLA RIPARTENZA POST COVID”
Il rapporto Legambiente 2020
DIARIO IN PUBBLICO
Imitazione e verità
Moni Ovadia, perché Ferrara?
DI MERCOLEDI’
Tre volte Ferrara

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi