COMUNICATI STAMPA
Home > IL QUOTIDIANO > PAROLE A CAPO
Drugo: “Da solo sul ring della vita” e altre poesie

PAROLE A CAPO
Drugo: “Da solo sul ring della vita” e altre poesie

Tempo di lettura: 3 minuti

“La poesia è resistere e tregua assieme, è aprire un varco nel futuro, è fantascienza.”
(Silvia Tebaldi & Gian Paolo Benini)

 

DA SOLO SUL RING DELLA VITA

Le corde del ring della vita
mi accolgono dolcemente
con la loro elasticità.
Mi ci appoggio
confidando nella loro resistenza.
L’avversario non c’è
l’avversario è l’altra parte di me.
Spero che l’arbitro
decreti la fine del match
prima che le corde si rompano
prima che noi due si finisca al tappeto.

 

EREDITÀ

Eredità non è fatta solo di cose.
La vera eredità è fatta
di sorrisi
di lacrime
di carezze
di sguardi
e di ricordi.
Ricordi che tu, mamma,
non hai più.
Ti sono stati rubati dalla malattia.
Non preoccuparti
ci sono qua io
a mettere ordine
nelle polaroid della tua vita.

 

PAROLE DI PIOMBO

Quando, da ragazzo,
ho cominciato a lavorare
nella tipografia di mio papà,
le parole erano di piombo.
Ma anche le parole di mio papà
erano di piombo.
C’era un rapporto ponderale
tra quello che componeva
e quello che diceva.
Oggi le parole
viaggiano leggere, anche troppo,
ma gli occhi e le orecchie
che le leggono e le ascoltano
non sono cambiati.
Attenti a scrivere parole leggere
che cadono anche loro,
come parole di piombo,
sulla e nella testa della gente.

 

Drugo, un’infanzia e una giovinezza vissute su una lingua di terra tra il Po e il mare. Una maturità che scopre la poesia e il gusto attraverso di essa di raccontarsi. Il Drugo lo puoi trovare la mattina presto appollaiato sui gradini della darsena che legge e scrive. L’acqua scorre e lui la ascolta, l’acqua lo riporta alla sua giovinezza, si conoscono bene, si parlano. La sera, poi, lo puoi incontrare al bar, mentre discorre di letteratura e filosofia , mentre racconta di sé e dei suoi, con lui ti puoi perdere, tra scanni vicini e continenti lontani. La sua poesia nasce così, dal contatto con la realtà della vita, dalla sabbia e dall’asfalto, dal piombo dei caratteri tipografici che allinea e inchiostra da sempre. Il Drugo non pubblica, diffonde la sua arte, solo tra chi gli è vicino, tra chi ritiene che possa apprezzare i suoi versi, i suoi racconti. Prima però deve averti guardato negli occhi, e aver riconosciuto in te una parte di sé.

La rubrica di poesia Parole a capo esce regolarmente ogni giovedì mattina su Ferraraitalia. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi