Home > IL QUOTIDIANO > Parole a capo
Eleonora Rossi: “nella riconciliazione della pioggia” e altre poesie

Parole a capo
Eleonora Rossi: “nella riconciliazione della pioggia” e altre poesie

Tempo di lettura: 3 minuti

“Se leggo un libro che mi gela tutta, così che nessun fuoco possa scaldarmi, so che è poesia. Se mi sento fisicamente come se mi scoperchiassero la testa, so che quella è poesia. È l’unico modo che ho di conoscerla. Ce ne sono altri?”
(Emily Dickinson)

nella riconciliazione della pioggia

restiamo qui

nella riconciliazione
della pioggia

quando terra e cielo
si baciano sulle labbra
e sugli occhi.

Con la voglia
di prenderci
quello
che ancora
ci spetta.

 

fiori selvatici

siamo fiori selvatici
ai bordi delle strade

restiamo saldi
aggrappati al vento

guardiamo negli occhi
il ruggito
di un temporale

(da ho svaligiato l’universo, Aletti Editore, 2020)

 

Gli occhi non muoiono

Ieri
ho ritrovato
i tuoi occhi,
papà

erano accanto a me
(luci complici)
nello sguardo
assorto
del mio bambino

scarabocchiava un foglio
e sbirciando mi cercava.

Ed è lì
che ho capito
il nostro viaggio

di luce in luce,
senza fine.

Ora so
che gli occhi
non muoiono

 

Alla finestra

Alla finestra
di casa
ti spiegavo il tramonto.

Assorti
guardavamo
il tuorlo infuocato
scivolare
tra le nubi e nel fiume.

Meravigliosamente piccolo,
ignaro della trappola del tempo,
tu appannavi
il vetro di vocali

eri l’eco
delle mie parole.

E io pensavo
che avrei dovuto
della vita
spiegarti anche gli anfratti

e il buio
in cui scivola il sole.

Eppure
stavo lì
io pure incantata
dal tuo sguardo
puro

E avrei
barattato il vento
per avere di nuovo
negli occhi
il tuo stupore

(da Le sette vite di Penelope, LietoColle, 2012)

Eleonora Rossi
Eleonora Rossi è nata a Ferrara nel 1971. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sulla letteratura di viaggio (relatore professor Mario Lavagetto), è insegnante e scrive per passione. Giornalista pubblicista, dal 1997 collabora con Il Resto del Carlino e altre testate giornalistiche. Dal 2016 è direttrice responsabile della rivista l’Ippogrifo (https://scrittoriferraresi.it/).
È autrice delle sillogi Le sette vite di Penelope (LietoColle, 2012), Diario di una peccatrice (ilmiolibro.it, 2018) e ho svaligiato l’universo (Aletti Editore, 2020). Sue composizioni sono presenti in numerose antologie poetiche; ha pubblicato centinaia di saggi critici, articoli, interviste. La sua scrittura è tata apprezzata in concorsi letterari nazionali e internazionali, tra i quali il Tour Music Fest, The European Music Contest. Nel 2017, dopo aver vinto il Premio Cet, si è diplomata al Corso per Autori della scuola di Mogol.

Dal 6 al 18 luglio  Parole a capo, la rubrica di poesia di Ferraraitalia, è uscita quotidianamente. Dalla settimana prossima si torna alla cadenza settimanale: prossimo appuntamento giovedì 23 luglio.
Per leggere tutte le puntate e tutti i poeti di ‘Parole a capo’ clicca [Qui]

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi