15 Settembre 2022

Parole a capo
Matteo Finoglietti: “Cerchio” e altre poesie

Pierluigi Guerrini

Tempo di lettura: 4 minuti

“Mi feci tante domande che andai a vivere sulla riva del mare e gettai in acqua le risposte per non litigare con nessuno.”
(Pablo Neruda)

Nadir

Il blando grido dei gemelli
è l’onda sulla rivista bianca
che increspa l’esistenza,
dimora lieta dei segni
che ricompone un quadro
da ciò che scompare

La mossa atta a offendere
è un placido bacio di fate
distratte, il silenzio di neve
e l’acufene, gioia
che lasciava le stanze
la cuspide inerme. Attende,
che l’agguato sia propizio

Pedestri sguardi dove il cielo
è luce sull’acqua e la stessa danza
degli astri decide la significanza
dei passi. Con loro la mia voce
si è spostata a ritroso
nella confusione presente,
come un granchio

Faccio fronte con la fuga
agli alvei di una domanda

– dove sei?

 

Cerchio

In girum imus nocte
et consumimur igni

Sei il Palinsesto palindromo
a cui biascicando m’abbarbico
cercando uno stralcio di segno,
imporre nomi nei loops eterni
dell’automazione: la vergogna
dei presagi: i calli. Mani
protese che palpano e sanno
cosa non stringono

Il rilievo di un sonno senza sogni
sottrarsi alla legge degli intoppi,
muovere nuovi passi
liberi – nel vano vanto
del metallo – ogni smacco
si mescola alla stele
di un linguaggio:

uno zero zero uno

discente dell’ignoto
rimetto alla conta
il capo perduto
della matassa:

uno zero zero due

 

Ansia

Una piccola pila di segreti
e poco più; il turbinio
di pensieri si dirada a stento
mi segue, chiassoso,
fin sul confine
della darsena

Avessi un commiato
o la riconoscenza tra le dita,
un foglio di via da stringere forte
forse prenderei il largo,
come chi va verso sera
in balia dell’ignoto

Falsa rotta che muovi
a vuoto la nave,
io non ti ho scelto.
Eppure l’orizzonte avanza,
ma non vedo altro approdo
che la cova di segreti
chiusi a stento nella stanza,

il mare immenso
è la risacca

 

Guado

Ogni trama tetra
svincola dalle dita
la ferrea presa di sogni inermi:
ciottoli di un fiume
dove ti faccio d’acqua costretta
sempre alla schiva e ostinata presa

Saperti assente
all’agguanto furibondo,
tra le spensierate genti
stese assenti per i prati,
non mi fa certo ressa
tra pensieri d’intemperie,
di burrasca

Il tuo corso placido
non ha che un seguito:
in sonno come in veglia
farti ospite gradito
L’innato asilo che ti devo
è l’unico divino avvento
che mi scampi dalla pioggia

 

Memento

Tra seguiti e seguaci
sperperi volti, come cavie
alla solenne prova di vita
cui sei sempre assente

Vedi come qui non devi
che fare quello che ti pare?
Fuggire adulare la gente,
o reggere lo scettro

Mai, mi fossi arrischiato
a un inchino, o posato
congiunto speranza alle labbra:
fine arte dell’inganno

L’assenza ti precede – notifica
la spola confusa di segni nel buio –
e la vita – in cui t’insinui
e che invadi – avanza
tumefatta dal ricordo,
tra le macerie dei tasti
in cui attenti un raccordo

 

Matteo Finoglietti è un poeta torinese di 29 anni. Inizia a “giocare” con le parole all’età di 6 anni, prendendo consapevolezza durante l’adolescenza della propria passione per la poesia. Studia al liceo scientifico Piero Gobetti di Torino per poi diplomarsi all’istituto magistrale Domenico Berti con un diploma a indirizzo musicale. Al liceo Gobetti conosce l’insegnante di Letteratura e Latino Paola Valpreda che, insieme allo scrittore torinese Salvatore Tripodi, seguirà il suo percorso di crescita letteraria, fornendo consigli e letture.
Dopo il diploma, Finoglietti lavora come insegnante di scacchi, steward e cameriere; trovando tuttavia il tempo di dedicarsi con impegno all’arte, in particolare alla poesia e alla musica.
Si dedica anche allo studio delle lingue, in particolare l’inglese, il giapponese e il francese. Attualmente cerca una casa editrice che apprezzi la sua silloge per una pubblicazione. Le poesie qui pubblicate sono tutte inedite. La proprietà dei testi è dell’autore.

La rubrica di poesia Parole a capo curata da Pier Luigi Guerrini esce regolarmente ogni giovedì mattina su Ferraraitalia/Periscopio. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]


Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Pierluigi Guerrini

Pierluigi Guerrini

Ti potrebbe interessare:

  • Le Elezioni, l’Elettore e il Partito che non c’è

  • Ferrara, Ciak si (ri)gira: 100 preludi

  • PRESTO DI MATTINA /
    Desiderio desideravi

  • BOMBE NUCLEARI STRATEGICHE E TATTICHE
    Un tema di drammatica attualità

  • VITE DI CARTA
    Dopo il Festivaletteratura di Mantova (seconda parte).

  • ALLE CINQUE DELLA SERA
    Lamento per Giuliano De Seta

  • Il surfista

  • LA GIUSTIZIA È PER L’ALTRO
    Enzo Bianchi al Festival della Filosofia

  • CONTRO IL PROGETTO FE.RIS.
    Idee a confronto: sabato 24 settembre ore 9,30

  • Parole a capo
    Daìta Martinez: Testi tratti da “Nutrica”

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi