Home > documentazione > Partigiani oggi, Lucia Marchetti: “Dignità e libertà minacciate da un sistema fuori controllo”

Partigiani oggi, Lucia Marchetti: “Dignità e libertà minacciate da un sistema fuori controllo”

Tempo di lettura: 3 minuti

Lucia Marchetti, insegnante in pensione

La richiesta è un po’ insidiosa perché si rischia facilmente di cadere in affermazioni generiche su principi e valori su cui è difficile dissentire. Provo tuttavia a dire cosa mi sembra rilevante in questa fase a partire dal contesto in cui mi trovo, un paese considerato ‘civile’, in Europa, in una parte del mondo di relativa pace. Da questa prospettiva il primo aspetto che considero fondamentale e particolarmente minacciato e quello della dignità, individuale e sociale. Per sociale intendo gruppi di età (anziani, giovani) di genere e di classe. Penso alle difficoltà sempre maggiori a vivere una vita dignitosa a causa dell’assenza di lavoro, alla crisi del welfare, ecc. che obbliga un numero sempre più grande di persone a risolvere in modo solitario e isolato problemi di salute e di sopravvivenza. Al venir meno di reti sociali strutturate come la famiglia, il partito, la parrocchia, il vicinato, si accompagna un diffuso sentimento di indifferenza che ci riguarda tutti e che considero la grande minaccia di questo tempo, indifferenza nei confronti della violenza verso donne e minori, ma anche per condizioni di degrado. Un secondo aspetto che mi pare fondamentale è il tema della laicità che metterei in coppia con quello della libertà. Mi sembra che questi valori siano oggi particolarmente minacciati e siano fortemente intrecciati al problema della formazione. In una società della conoscenza stiamo progressivamente perdendo la capacità di controllare i processi e di comprendere le cause di fatti e di fenomeni. A questo proposito cito il passaggio di un testo uscito alcuni anni fa a cui ho collaborato: “ La nostra società ha oggi più che mai bisogno di scuola. Ha bisogno di un luogo salvo in cui tutti possano trovare il tempo e le risorse per riflettere sulla vita, sul mondo e su di sé, un luogo in cui elaborare il pensiero, in cui ricostruire lo spessore storico degli avvenimenti, in cui immaginare un possibile futuro, in cui cimentarsi con il metodo e con la costanza del lavoro, in cui praticare attivamente la democrazia. Ed è più che mai necessario farlo tra generazioni, essere capaci di passare il testimone, assumere la responsabilità del mondo” (AA.VV., La scuola deve cambiare, l’ancora del mediterraneo, 2002, p.101). Troveremo qualche risposta domani nell’annunciata ‘rivoluzione’ da parte del ministro dell’istruzione?

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi