Home > GERMOGLI - l'aforisma della settimana > Partire e forse ritornare
Tempo di lettura: < 1 minuto

di Maria Luigia Giusto

L’estate si sta chiudendo. E’ stata occasione di viaggi per molti, di gite e brevi uscite per altrettanti. Il rituale si ripete ad ogni partenza: l’ansia gioiosa che corre tra le dita mentre si prepara la valigia, il tremore contento che fa allacciare le scarpe, il sorriso sotto il cappello di paglia indossato. Sarà la curiosità dell’ignoto, la speranza di trovare novità e lasciarsi alle spalle, almeno per un po’, la solita vita, e il profumo del distacco si fa sempre più intenso finché si chiude la porta di casa.

“E non c’è niente di più bello dell’istante che precede il viaggio, l’istante in cui l’orizzonte del domani viene a renderci visita e a raccontarci le sue promesse.”
Milan Kundera

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Sacrario Militare Italiano di El Alamein
25 APRILE A METÀ
Radici del razzismo e scheletri negli armadi:
Italian unknown: gli sconosciuti di El Alamein (X Parte)
lettura estate
Kafka in valigia
(3 luglio 1883 ♦ 3 luglio 2021)
rete pesca mare
PRESTO DI MATTINA
Aparecida: lo stile di papa Francesco
Sacrario Militare Italiano Disegno Dominoni
25 APRILE A METÀ
Radici del razzismo e scheletri negli armadi:
Le pene di tre guerre (IX Parte)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi