COMUNICATI STAMPA
Home > STORIE > ALTRI SGUARDI > Pasta design, allegria al supermercato

66217934869269_56e891d194560

Aggirarsi per gli scaffali dei supermercati alla ricerca di qualche novità succulenta fa parte dello sport di molti di coloro che a casa si annoiano e hanno voglia di uscire e non pensare a nulla. Spesso di fronte a un pacchetto colorato che contiene non si sa quale altra nuova invenzione o diavoleria, si è attirati come un orso dal miele. Ammetto di non essere grande frequentatrice di questi luoghi, per me fare la spesa è sempre una sofferenza, soprattutto se si considera che sono in lotta continua con la bilancia, arma terribile. Però sono e resto molto curiosa. Come una simpatica e impertinente scimmia, direbbe mia madre. Mi piace vedere come le varie marche cerchino di attirare il consumatore sempre più sommerso da messaggi pubblicitari invadenti, mi fa sorridere vedere schiere di acquirenti attirati da confezioni che sembrano promettere sorprese mirabolanti. Le uova di Pasqua sono un bluff, in confronto. Esercizio sociologico o pseudo tale? Non direi, semplicemente mi piace l’essere umano e la sua varietà infinita. Ecco allora che scopro il designer russo Nikita Konkin, il ragazzo che cerca di lasciare trasparenze curiose, per un consumatore che vuole vedere cosa acquista. Un gioco con le forme della pasta, un semplice design bianco e poi una parte trasparente disegnata in base alla tipologia, che riproduce la sagoma di capelli ora liscissimi, per gli spaghettoni, ora ricci, per i cavatappi, ora ondulati, per le fettuccine. I pacchetti della pasta sono spesso anonimi e un po’ tristi. Eccoli invece cambiati. Diversi stili di pettinature degne di un abile ed elegante parrucchiere. Con la stravaganza e l’inventiva delle giovani generazioni che rincorrono il mercato, senza sosta. Divertente e invitante. Chi la comprerà?

Fotografie di Nikita Konkin, vedi

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Cirfood al festival di Internazionale: cento milioni di pasti l’anno e un riguardo per la fame di cultura
La democrazia del cibo
La puzza delle contraddizioni del nostro pianeta
Riflessioni sulla scuola che ci aspetta: salvare il desiderio di aggregazione dalla deriva individualista

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi