Home > FOGLI ERRANTI > PER CERTI VERSI
Fiori e nuvole
Shares

Ogni domenica Ferraraitalia ospita “Per certi versi”, angolo di poesia che presenta le liriche del professor Roberto Dall’Olio, all’interno della sezione “Sestante: letture e narrazioni per orientarsi”.

Senza titolo

Il cielo mi annoia
Senza nuvole
Come una donna
Senza seni
Sembrano i cieli
Pallidi
Di Guido Reni
Mi piacciono i cieli
della Garonna
Tumultuosa
Come i nostri cuori
Che si cercano
Mi piacciono le tue battute secche
Fatte sul tabiel
Della minestra fatta a mano
La mia Clitennestra
con il suo uovo
Di Elena Castore e Polluce
E le tagliatelle
in nuce
Come le mie bretelle
La pipa di Magritte
Che non è una pipa
Tu invece
Sei la mia ripa
Del placido Don
E i tuoi capelli bagnati
Sollevati dal fon

Senza titolo

Il tiglio ricorda
la tenerezza tua
Delle donne
Quel profumo dolce
Che rende l’aria squisita
del mito di Fileri
Che fece del tiglio
l’emblema della femminilità
Della cura
Che tanto assomiglia alla quiete
Di Unterdenlinden a Berlino
La lunga passeggiata
Nel viale dei tigli
Le panchine
Per la lettura
La meditazione
I giochi
Gli amori
Sì è il nostro viale
La nostra scia
Che lasciamo agli altri
Alla prossima volta che torneremo
A stringerci forte
Con la delicata felicità dei fiori
Appena gialli
Che sventolano come fazzoletti
Ai treni della vita

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
Gocce al tramonto
BORDO PAGINA
Poesia: Zairo Ferrante su ‘Il Foglio Letterario’
“Istanti”, intrecci di vita quotidiana cuciti dall’estro poetico di Franco Stefani
PER CERTI VERSI
Quando le stelle dormono

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi