Home > FOGLI ERRANTI > PER CERTI VERSI
Telefono

Ogni domenica Ferraraitalia ospita ‘Per certi versi’, angolo di poesia che presenta le liriche del professor Roberto Dall’Olio, all’interno della sezione ‘Sestante: letture e narrazioni per orientarsi’

TELEFONO

Sei un telefono che parla ma non suona
Suona ma non parla
Sei un telefono
Che mi parla
Vende coraggio per la vita e lo chiede
Sei un telefono nascosto
Che suona e non si trova
Io ti aspetto per ogni alba che si rinnova
Sei un telefono che chiama
Le lacrime sciolte nel vento della
Lingua
Sei un telefono che vorrebbe ridere senza guardare
Senza fili da tagliare
In mezzo al deserto vorresti essere sola e asciugarti nella pace dove nessuno ti possa toccare
Sei un telefono che suona senza tempo e senza telefoni
Io lo sento lo avvolgo tra le mie parole
Non sono aria
Non sono carta
Sono carne sangue memoria e oblio
Si a volte si dimentica
Per nuovamente ricordare
E il tuo telefono
Suona come un pesce nel mare
Chi lo sente
Chi lo può sentire
Io vorrei venire
A te come un falco di dolcezza
E prenderti sotto le mie ali
Per proteggerti
Per toglierti tutti i mali
Perché il tuo telefono
È nel mio cuore
E io vorrei portarti nelle vene
Farti volare
Farti sognare
Cambiando lo sguardo
Perché il tuo telefono suona
Tra le mie unghie che crescono
Che credono nella vita ciecamente
Perché vorrei sradicare la tua tristezza
Senza violare il tuo ritiro
Così
Così
Ti respiro

Commenta

Ti potrebbe interessare:
PER CERTI VERSI
Ilia
PER CERTI VERSI
Giocosa
PER CERTI VERSI
Al crepuscolo
IL SARTO
Una poesia di Carla Sautto Malfatto dedicata alla Commemorazione dei defunti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi