COMUNICATI STAMPA
Home > PARTITI & DINTORNI > Per Forza Italia uscire dallo stallo non significa abbandonare l’Europa

Per Forza Italia uscire dallo stallo non significa abbandonare l’Europa

Tempo di lettura: 2 minuti

Situazione quantomeno caotica quella che si è creata in questi ultimi mesi, dal post voto, al mancato Governo-Conte, fino all’incarico a Cottarelli che difficilmente raccoglierà una maggioranza in grado di sostenerlo, prospettandosi così un’altra consultazione elettorale dopo l‘estate.
In tutto questo è bene chiarire il ruolo di Forza Italia che da subito si è posta in maniera critica verso un’alleanza, quella Lega – M5S, estranea agli schieramenti elettorali. Partiti contraddistinti da valori e programmi ben diversi, come emerso in modo palese dalla confusione dei documenti programmatici presentati, unitamente a un premier designato non eletto e dal cv poco convincente.
Non siamo tra quelli che invocano l’impeachment per il Presidente della Repubblica, ma pure ci saremmo aspettati un comportamento diverso da Mattarella nella fase precedente al pesante veto su Savona.
L’unica strada che non è stata percorsa è stata quella di un incarico a un esponente del Centro Destra, anche lo stesso Salvini, per poter trovare in Parlamento i voti necessari, a fronte della maggioranza relativa che gli Italiani hanno affidato alla coalizione.
Conseguentemente lascia alquanto perplessi che, a poche ore dall’incarico, Cottarelli abbia già pronta la lista dei ministri da presentare al Colle, come se fosse una soluzione tenuta in caldo già da un po’.
Forza Italia, quale forza centrista e liberale, si ritiene perno della coalizione di Centro Destra, ancora di più ora che è caduta ogni ingiusta barriera nei confronti del Presidente Berlusconi.
Dopo i fallimenti di Letta-Renzi-Gentiloni, l’improvvisazione del M5S, consideriamo quello di Centro Destra l’unico schieramento credibile in grado di risollevare le sorti di un Paese sempre più in balia dell’instabilità e della confusione istituzionale.
Lo diciamo ora, come lo abbiamo sostenuto prima e dopo le elezioni: poniamo la massima attenzione alla tutela dei risparmiatori e delle imprese italiane, così come la permanenza nell’area Euro. Puntare i piedi a Bruxelles per i nostri diritti, così come vogliamo fare, non significa abbandonare un progetto nel quale continuiamo a credere malgrado i tanti passi falsi compiuti dalla UE negli ultimi anni. Da lì passa l’unico futuro percorribile per noi e per le prossime generazioni.

Paola Peruffo
Coordinatrice provinciale
Forza Italia Ferrara

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi