Home > OPINIONI > ALTRI SGUARDI > AUDIOCONFERENZA
Per un pugno di dollari: storia tragica di sangue infetto

AUDIOCONFERENZA
Per un pugno di dollari: storia tragica di sangue infetto

Tempo di lettura: 2 minuti

​E’ un paradosso quello che affiora dalle pagine di “Sangue sporco”, il libro inchiesta che l’autore – Giovanni Del Giaccio, giornalista del Messaggero, intervistato dal direttore di Ferraraitalia Sergio Gessi – ha presentato nei giorni scorsi a Ferrara alla libreria Ibs. Il tragico paradosso è quello di migliaia di persone che si sono rivolte a ospedali e strutture sanitarie in cerca di assistenza e invece, a causa di trasfusioni effettuate con sangue infetto, hanno contratto virus quali Hiv e Hvc e conseguenti malattie, Aids ed epatite C, che ne hanno devastato l’esistenza e causato in molti casi la morte. Il volume, articolato in due parti, analizza il fenomeno e presenta le testimonianze delle vittime e dei loro familiari.
Alla base di questa tragedia poco conosciuta ci sono errori umani nell’utilizzo degli emoderivati, ma quel che è più grave pesano soprattutto le pratiche disinvolte di reclutamento dei donatori (fra soggetti a rischio) e i mancati controlli da parte di colossi farmaceutici mossi esclusivamente da fini di lucro: la salute delle persone barattata per il profitto… Storia di appetiti voraci di uomini senza scrupoli, di cui queste pagine costituiscono l’ennesimo capitolo.

Rendiamo disponibile l’audio integrale dell’intervista a Giovanni Del Giaccio, autore di “Sangue sporco”

Commenta

Ti potrebbe interessare:
TARGHE RICORDO
COSA C’E’ DOPO IL BUIO?
Le due strade davanti a noi
ECONOMIA E SOCIETA’ NEL TEMPO DEL CORONAVIRUS:
una storia diversa da quella che ci raccontano
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Una vita da crescere non ammette strumentalizzazioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi