Home > INTERVENTI > Perché le Biblioteche di Ferrara non sono state aperte il 18 maggio?

Perché le Biblioteche di Ferrara non sono state aperte il 18 maggio?

Tempo di lettura: 2 minuti

di Andrea Poli

Sono “un antico lavoratore delle biblioteche” e continuo a leggere e studiare usando le biblioteche, che mi sono mancate in questi due mesi di follia zombie. Mi sono mancate soprattutto perché in Internet non si trova proprio tutto e se vuoi approfondire devi andare assolutamente alla Casa Madre, cioè l’Ariostea. Ho sempre pensato che le Biblioteche non dipendessero dal colore politico delle Amministrazioni, ma si fossero sempre scontrate con il famoso e famigerato detto: con la cultura non si mangia. Vero, però lo Spirito dell’Uomo va alimentato e il cibo solido non va bene. Magari se qualcuno dedicasse più tempo alla lettura e meno alle tavole imbandite si avrebbe un decremento dei due maiali a testa e si potrebbe arrivare a mezza vacca ciascuno. I libri non inquinano come i maiali e le mucche e le città mascherate non fanno bene al libero respiro. Continuo a pensare che la cultura non vada di pari passo con il colore della politica, però è possibile addirittura anche peggiorare, nonostante i problemi legati al Sapere erano sempre stati tanti. Cosa facciamo? Sanifichiamo? Apriamo? Telelavoriamo? Molti, oltre al cibo solido, necessitano del “cibo dell’anima” e non della biblioteca scomparsa. E dai!!

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi