20 Gennaio 2022

Perché l’elezione di Draghi al Quirinale va evitata a ogni costo

Giuseppe Nuccitelli

Tempo di lettura: 5 minuti

Avevo provato, qualche giorno fa, a scrivere un appello ironico (almeno nelle intenzioni) ai Parlamentari della Repubblica e ai Delegati regionali perché il 24 gennaio facilitassero l’ascesa di Mario Draghi al Quirinale.
Le ragioni dell’appello non erano di natura politica, né legate all’esigenza di evitare l’indecenza di una presidenza berlusconiana, bensì umanitarie: salvare le nipoti dal minacciato ritorno a casa di cotanto nonno.

Era, ovviamente, solo un modo di sdrammatizzare un epilogo che continuava ad apparirmi ineluttabile, anche se forse già in modo meno netto che a fine novembre, quando ne avevo scritto su questo giornale [Vedi qui] . Ben presto, però, ho lasciato stare. L’evoluzione recente della situazione mi ha infatti spento la voglia di sdrammatizzare. Mi ha anzi convinto del fatto che sui Grandi Elettori pesa stavolta una responsabilità immensa: quella di evitare l’ascesa al Quirinale di Draghi, colui che potrebbe a breve essere identificato come il principale responsabile di una débâcle  governativa forse senza precedenti nella storia della Repubblica Italiana.

Che, infatti, l’azione di governo cominci a mostrare aspetti critici molto preoccupanti appare sempre più evidente. Ne è segno inequivocabile il fatto che anche nella vasta area del giornalismo da cortile nazionale il tema cominci a essere evocato più o meno implicitamente, e che persino su Repubblica trapeli qua e là.

Cosa sta, dunque, accadendo? E cosa potrebbe accadere a breve?

Nella sua azione di contrasto alla pandemia, il Governo Draghi ha puntato praticamente tutto su un’unica carta: il dispositivo vaccinazioni/green pass.
In questo modo, nulla o quasi nulla è stato fatto sui molti altri piani via via ipotizzati dagli esperti e mai praticati, se non addirittura ostacolati. Si tratta di diverse linee di azione, potenzialmente sinergiche (anche alle vaccinazioni) nella risposta alla pandemia, tanto spesso citate.
Mi limito qui solo a qualche esempio: investimenti logistici, ad esempio nei trasporti e nelle scuole; in queste ultime, diminuzione dell’affollamento delle classi; uso esteso delle mascherine ffp2; sviluppo di una rete territoriale istituzionale per le terapie intensive; potenziamento, soprattutto in certe aree del Paese, delle strutture per le terapie ospedaliere, ecc.

Proprio in questi giorni però, l’EMA (European Medicines Agency) – non esattamente un covo di negazionisti e di no-vax –  avanza dei seri dubbi sul fatto che sia sostenibile una strategia vaccinale basata sulla somministrazione ripetuta a distanza di pochi mesi di dosi booster [Qui].
L’EMA ha fornito così un altissimo sostegno istituzionale a una perplessità diffusa e articolata.

Tra gli elementi critici che possono valere, anche in sinergia tra di loro, a sollevare più di un ragionevole dubbio sulla sostenibilità a medio termine della strategia governativa di contrasto alla pandemia ricordiamo:

  1. La difficoltà logistica a somministrare una dose vaccinale a tutta la popolazione italiana ogni quattro mesi;
  2. L’impossibilità logistica di somministrare una dose vaccinale a una percentuale significativa della popolazione mondiale ogni quattro mesi, il che – data la dimensione globale del problema – significa restarvi immersi;
  3. La possibilità che sempre più concretamente sta emergendo che, dopo la terza dose, i booster perdano progressivamente efficacia [Qui] ;
  4. La probabilità molto concreta che le ripetute sollecitazioni del sistema immunitario lo indeboliscano, con l’effetto paradossale – soprattutto in combinazione con il punto precedente – di rendere la popolazione più esposta al contagio e alle forme gravi di malattia.

Non si può, naturalmente, sapere a priori quanti e quali di questi elementi annunciati dal presente metteranno radici nel futuro. Ma possiamo immaginare uno scenario come quello che segue, sapendo che è meno improbabile di quello nel quale la strategia unica vaccinazione/green pass avrà posto sotto controllo il problema.

Ottobre 2022. Draghi è al Quirinale.
– La popolazione italiana è vaccinata in una percentuale superiore al 90%.
– Le terze dosi sono scadute o in scadenza.
– EMA sconsiglia, o non autorizza se non in casi specifici, la somministrazione di richiami ulteriori.
– Il Paese non ha predisposto (se non per iniziative private e particolari) altre difese: nei trasporti, nelle scuole, una rete di assistenza domiciliare eccetera.
Siamo (saremmo) quindi, sostanzialmente, a prima del Governo Draghi, per molti aspetti, a prima della pandemia.

Ed ecco arriva una nuova variante. In questo caso, delle due l’una:

  • o Draghi ha buoni agganci anche nelle Altissime Sfere – quelle del Divino – e allora tutto ciò potrebbe portarci – per ragioni del tutto diverse dai meriti del Presidente – alla sospirata trasformazione del virus in endemico, più o meno come quello dell’influenza;
  • Oppure nelle suddette Sfere, quelli come il Presidente non sono ancora sdoganati, e allora il Paese sarà in balia del destino, mentre il principale responsabile di questa tragica débâcle lo guarderà, ancora per sei anni e mezzo, dall’alto del Quirinale.

Naturalmente non è detto che vada così, e tutti speriamo in altri e più rosei scenari, ma la possibilità esiste ed ha una sua fondatezza. Ed è questa possibilità, che mi spinge a rivolgere un secondo appello ai Grandi Elettori, questa volta tutt’altro che ironico:

Onorevoli Parlamentari e Delegati Regionali, nel mettere il vostro voto nell’urna,  prendete in seria considerazione tale possibilità e decidete con tutta la prudenza connaturata alla vostra altissima responsabilità. Voi rappresentate il popolo italiano, e il popolo confida in ognuno di voi.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giuseppe Nuccitelli

Giuseppe Nuccitelli insegna filosofia e scienze umane nella scuola media superiore pubblica.  Ha collaborato con Università, Enti di Ricerca, la RAI e altri soggetti. È autore di varie pubblicazioni nell’orizzonte della filosofia e della linguistica educativa. È giornalista pubblicista. In libreria, il suo esordio narrativo: “Parola di Pilsops. Le circostanze della passione”, Roma, Gangemi Editore, 2022.
Giuseppe Nuccitelli

Ti potrebbe interessare:

  • LE RINNOVABILI NON DECOLLANO…
    Le Comunità energetiche e solari sono una soluzione

  • ACCORDI /
    Gli Interpol e le luci del nuovo millennio

  • MEGALOMEN:
    L’Ombelico del mondo e la società dello spettacolo

  • interno autobus semivuoto

    Diario di un agosto popolare
    9. LA METRO, IL BUS E LO SCOOTER

  • Maternità parallele in un dramma collettivo:
    Almodóvar colpisce ancora

  • TERRA & ACQUA DA SCOPRIRE.
    La  Ciclabile Burana

  • Il treno di Margherita
    …un racconto

  • fiume bambini pesca alberi

    Agosto 1959 – Gli zufoli di Sambuco

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi