Home > ACCORDI - il brano della settimana > Perdersi nello spazio

Era il 1969 e avevo cinque anni.
Ero troppo piccolo per capire cosa volesse dire vivere in quell’anno, probabilmente nemmeno mio padre lo sapeva, probabilmente nessuno. Ma dopo lo capimmo tutti quanti, io compreso.
Quell’anno la contestazione giovanile iniziata nel gennaio del ‘68 si allargò a macchia d’olio in tutto l’Occidente. Quell’anno fu l’anno di Woodstock e della rivoluzione non violenta della cultura hippie. Quell’anno un uomo posò piede sulla Luna, e quell’anno David Bowie scrisse una canzone che parlava proprio di quello: di un uomo nello spazio!
La cosa curiosa fu che il disco uscì appena qualche giorno prima dell’allunaggio di Armstrong e soci…

Cosa c’è di più sublime di perdersi nello spazio? Le note della canzone mi accompagnano oggi, come sempre, nei miei viaggi interstellari. E non occorrono complicate e costose astronavi, basta chiudere gli occhi e si apre il sipario del buio cosmico, infinitamente grande come può essere un desiderio, un sogno ricorrente. Il mio è sempre stato questo: partire!
Partire per andare dove? No… nello spazio l’importante non è arrivare. L’importante è perdersi per poi farne parte, una minuscola parte d’infinito. E voltarsi indietro e vedere la Terra rimpicciolire: una splendida sfera azzurra nel nero più assoluto, sempre più piccola e sempre più bella.
Finché il puntino blu scomparirà per sempre dalla vista… un’ultima scintilla di luce persa nelle lacrime.

Space Oddity (David Bowie, 1969)

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Umanità in liquefazione
Grazie per la compagnia
Il cuore dov’è
Situazionismo 2019: Dionisindaco vs *pollineo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi