6 Ottobre 2016

Persi di vista: tra falsi ciechi e falsi miti, come raccontare il quotidiano delle persone non vedenti

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 8 minuti

Da: Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti

Seminario formativo Roma , 7 ottobre 2016- Diretta on line

Care amiche, cari amici,
ho il piacere di comunicarvi che la Commissione Nazionale Informazione e Comunicazione della nostra Unione, in collaborazione con la testata Redattore Sociale, ha organizzato per il prossimo 7 ottobre il seminario formativo ‘Persi di vista. Tra falsi ciechi e falsi miti. Come raccontare il quotidiano delle persone non vedenti’, rivolto ai giornalisti dipendenti o freelance, agli addetti stampa o comunicazione di enti pubblici e privati, agli studenti delle scuole di giornalismo e delle facolta’ di comunicazione.
L’obiettivo di questa interessante iniziativa – la prima promossa dall’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti – e’ quello di trasmettere delle utili informazioni sulle reali potenzialita’ ed abilita’ delle persone cieche ed ipovedenti, con l’auspicio di sfatare quei luoghi comuni che tanto ostacolano l’inclusione sociale delle persone con disabilita’ visiva.
L’evento, di cui trovate in allegato il programma dettagliato, potra’ essere seguito tramite Slash Radio, collegandovi al seguente link: http://www.uiciechi.it/radio/radio.asp
Sperando di aver fatto cosa gradita, vi saluto cordialmente.

Seminario di formazione per giornalisti – 7° Redattore sociale Roma
VALE N. 6 CREDITI FORMATIVI DELL’ORDINE DEI GIORNALISTI
Roma, 7 ottobre 2016

Ore 9–16, Sala conferenze ‘Porta Futuro’, via Galvani n. 108 (quartiere Testaccio)
Lo sviluppo tecnologico e l’attivismo associativo degli ultimi anni hanno profondamente cambiato la vita delle persone con disabilità visiva. I ciechi e gli ipovedenti di oggi possono raggiungere in ogni aspetto della loro esistenza un grado di pienezza impensabile solo due decenni fa. Non altrettanto velocemente, però, si è adeguata la loro rappresentazione sui media: è come se questo cambiamento avesse “sorpreso” l’informazione, rimasta ancora legata a stereotipi, a vecchie parole e immagini, fino a perdere di vista i soggetti di cui parlava… Si è ancora lontani dal considerare normale il fatto che una persona cieca riesca a svolgere professioni complesse, accudire dei figli, occuparsi della casa, fare sport, avere successo a scuola, muoversi per il mondo in completa autonomia. Al contrario, anche i non vedenti restano schiacciati negli schemi con cui di solito viene raccontata la disabilità: il pietismo, l’eroismo, il disprezzo verso i ‘falsi ciechi’ che spesso non sono tali. A ridosso di due date importanti come la Giornata mondiale della vista (13 ottobre) e la Giornata nazionale del cane guida (16 ottobre), questo seminario – senza tralasciare i problemi che ancora persistono – intende offrire al mondo della comunicazione la visione attuale del quotidiano dei non vedenti. Aiutando a esplorare con sguardo nuovo le caratteristiche di una delle forme di disabilità considerate tra le più gravi dall’OMS ma anche più misteriose e difficili da ‘capire’.

PROGRAMMA
8.30 – Registrazione dei partecipanti
9.00 – Apertura dei lavori
Saluti di Claudio Panella, Eugenio Saltarel
9.30-11.30 – I sessione – Conduce Stefano Trasatti
Limiti e difficoltà nell’accertamento della cecità civile – Raffaele Migliorini
Una lacrima non fa informazione – Flavio Vezzosi
Le dieci cose che (per pudore) non vi hanno mai detto sulla cecità – Katia Caravello
L’ipovedente, questo sconosciuto – Linda Legname
11.30 – Coffee break
12.00-13.45 – II sessione – Conduce Chiara Giorgi
La normalità a 4 sensi, tra cultura, relazioni e linguaggio – Mauro Marcantoni*
Non volevo il centralino – Maurizio Molinari
Una famiglia come tante – Antonella Cappabianca
Essere autonomi, essere liberi – Ada Ammirata
13.45 – Buffet
8.30-16.00 – A margine della sala conferenze saranno allestiti stand con dimostrazioni di software per la lettura, libri tattili e in braille, audiolibri e altri ausili per la vita quotidiana delle persone cieche. Sarà inoltre allestita la mostra fotografica “Io ti vedo così”, dedicata alle ipovisioni e non visioni.

RELATORI
Ada AMMIRATA – Laureata in Scienze della formazione, centralinista presso Consip, ha perso la vista a 15 anni. Sportiva da sempre, pratica l’equitazione a livello agonistico, la maratona e la mezza maratona a livello amatoriale. Antonella CAPPABIANCA – Critica televisiva, fotografa, avvocata. Non vedente. Nel 2006 ha esposto una selezione di scatti scelti anche da Oliviero Toscani per la mostra ‘Fotosensibili’ all’Auditorium Parco della Musica di Roma. È stata ospite come opinionista della trasmissione radiofonica Melog condotta da Gianluca Nicoletti su Radio 24. Ha tenuto corsi di formazione per volontari europei e ha partecipato al Tavolo per le pari opportunità istituito presso il Dipartimento degli Affari sociali. Katia CARAVELLO – Psicologa-psicoterapeuta, non vedente, fa parte della Direzione nazionale ed è responsabile della Commissione Informazione e comunicazione dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Ha contribuito alla programmazione e alla realizzazione a livello nazionale della 1^ edizione del progetto formativo “Oltre lo sguardo” rivolto ai dipendenti ciechi e ipovedenti del Gruppo Unicredit. È la referente nazionale del progetto di attuazione del protocollo CNOP-UICI per la realizzazione di un servizio di sostegno psicologico ai genitori dei bambini e dei ragazzi ciechi e ipovedenti. Chiara GIORGI – Professionista free lance, lavora da 15 anni nel campo della comunicazione su diritti, pari opportunità, disabilità, terzo settore, ma anche professioni ed economia, prevenzione, salute e benessere. È oggi responsabile della comunicazione per l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Linda LEGNAME – Componente della Direzione nazionale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Mauro MARCANTONI – Sociologo e giornalista. Non vedente. Dal 2007 è direttore di TSM- Trentino School of Management. Autore di numerose pubblicazioni sullo sviluppo socio- economico, ha anche approfondito il tema dei limiti sensoriali e del loro superamento. Con il libro ‘I ciechi non sognano il buio’ ha vinto nel 2007 il premio Campione per la cultura e con ‘Vivere al buio’, nel 2015, il premio letterario Sibilla. Ha pubblicato nel 2015 ‘Controluce’ nella collana ‘Racconti d’Autore edita da Il Sole 24 Ore. Raffaele MIGLIORINI – Medico legale e oculista, lavora all’Inps dal 1990, dove ha rivestito dal 2002 il ruolo di responsabile del Centro Diagnostico Medico Legale, del servizio di Fisiopatologia Oculare e  del Comitato Tecnico Scientifico dell’istituto per la branca di Oftalmologia. Docente e relatore in vari congressi e corsi in cui ha illustrato le problematiche sulle minorazioni visive, dal 2010 è coordinatore centrale della U.O.C. Management Sanitario Esterno presso il Coordinamento generale medico-legale dell’Inps. Maurizio MOLINARI – Addetto stampa del Parlamento Europeo in Italia dal luglio 2015. Non vedente. Nella vita precedente, giornalista corrispondente da Bruxelles per Redattore sociale e collaboratore per altre testate quali BBC, Radio svizzera italiana, ecc. Grande appassionato di calcio. Claudio PANELLA – Amministratore Unico di Capitale Lavoro S.p.A. – Città Metropolitana di Roma Capitale. Eugenio SALTAREL – Componente dell’Ufficio di Presidenza dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti onlus. Stefano TRASATTI – Coordinatore del Capodarco L’Altro Festival-Premio L’anello debole e responsabile comunicazione di Csvnet, ha diretto l’agenzia Redattore sociale dal 2001 al 2016 organizzando gli omonimi seminari di formazione per giornalisti. Flavio VEZZOSI – giornalista, pianista e docente di sostegno presso l’Istituto Giordano Bruno di Perugia. Componente delle Commissioni Informazione e comunicazione e Pluridisabilità dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

PARTECIPAZIONE
È gratuita e riservata a: ai giornalisti dipendenti o free lance, agli addetti stampa o comunicazione di enti pubblici e privati, agli studenti delle scuole di giornalismo e delle facoltà di comunicazione. Il seminario è accreditato dall’Ordine dei giornalisti nell’ambito della Formazione professionale continua e dà diritto a n. 6 crediti.

ISCRIZIONE
Va fatta online entro il 5 ottobre 2016. Gli iscritti all’Ordine dei giornalisti che desiderano conseguire i crediti formativi devono obbligatoriamente iscriversi sulla piattaforma SIGEF (1) fare il login; 2) cliccare su “Corsi enti terzi”; 3) scrivere nel titolo ‘Persi di vista’ e cliccare su ‘Filtra’; 4-aprire la scheda del seminario e iscriversi).
Tutti gli altri devono compilare il modulo a QUESTO LINK.

COME ARRIVARE
‘Porta Futuro’, Centro per l’orientamento e la formazione professionale della Provincia di Roma, si trova in via Galvani n. 108, nel quartiere di Testaccio.
In Metro: Linea B, stazione Piramide, dirigersi a piedi verso via Mormorata e svoltare su via Galvani.
In treno: Stazione Ostiense
In autobus: linee 75, 30, 280 ecc.
Informazioni: www.portafuturo.it



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Vertenza ex Gkn.
    Tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi