COMUNICATI STAMPA
Home > PARTITI & DINTORNI > Pettazzoni (Lega): “Rallentamenti nelle concessioni di aree di pesca”

Pettazzoni (Lega): “Rallentamenti nelle concessioni di aree di pesca”

Tempo di lettura: 2 minuti

Da: Ufficio Stampa Lega Emilia-Romagna

La Federazione nazionale dei pescatori sportivi puntualizza in una nota ufficiale: “Il Pd non ci ha coinvolti nella stesura del provvedimento sulle concessioni delle aree: la direzione indicata dai Dem è estremamente dannosa per i pescatori emiliano-romagnoli ed italiani”

“Nei giorni scorsi il consigliere regionale Pd, Paolo Calvano, ha accusato la Lega di essere la responsabile – spiega il consigliere regionale Lega, Marco Pettazzoni – della battuta d’arresto sull’emendamento per la concessione di aree di pesca regolamentate. Accuse non solo infondate, ma che sono state sbugiardate proprio dalla Federazione nazionale dei pescatori sportivi (Fipsas), che ha fatto chiarezza sul caso con un comunicato ufficiale.”

“L’Associazione Fipsas si è sempre distinta per la sua giusta neutralità – continua il consigliere regionale Pettazzoni – tuttavia, ha voluto sottolineare come il PD non l’abbia coinvolta nella stesura del provvedimento sulle concessioni di aree di pesca regolamentante. Una scelta ambigua, dato che rappresenta un’azione politica fondamentale per la salvaguardia del settore e la direzione indicata dai Dem è stata definita estremamente dannosa per i pescatori emiliano-romagnoli e italiani. Una proposta quella del Partito Democratico che va nella direzione contraria alla tutela tanto auspicata dalla Federazione e dalle migliaia di pescatori sportivi, che da anni hanno visto le nostre acque depredate dai bracconieri.”

“Da anni la Lega lavora per la tutela delle nostre acque e dei pescatori – conclude Pettazzoni – combattendo il fenomeno del bracconaggio. Il Pd al contrario stoppa le proposte auspicate da noi e dalle associazioni, tuttavia, seppur sbugiardati da tutti mantengono un atteggiamento arrogante e menzoniero. Dicano con chiarezza da che parte stanno, se dalla parte dei pescatori o dei bracconieri”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi