Home > ALTRI SGUARDI > Piccolo viaggio tra le seguaci della Ragazza con l’orecchino di perla

Piccolo viaggio tra le seguaci della Ragazza con l’orecchino di perla

Ragazza-orecchino-perla-Scarlett-Johansson-Kleinveld-Sodano-Skivenes
Tempo di lettura: 4 minuti

Una ragazza che fa scuola. E’ quella “con l’orecchino di perla” di Jan Vermeer in mostra a Bologna, palazzo Fava, fino al 25 maggio. Un capolavoro di uno dei pittori fiamminghi più conosciuti e riconoscibili. Un’occasione per vedere a distanza ravvicinata questa tela così nota. E anche un’occasione – per chi ama gli accostamenti, le divagazioni e i rimandi – per un piccolo viaggio tra le seguaci di questa fanciulla dipinta o, per usare un linguaggio più attuale, tra le sue follower…

Locandina del film "La ragazza con orecchino perla"

Locandina del film “Girl with pearl earring” in versione originale con Scarlett Johansson e Colin Firth

Come tutte le opere che riescono a raggiungere una fama e una popolarità così vasta, la “Ragazza” diventa icona, prototipo sul quale esercitare fantasia, sogno, indagine e magari anche gioco. Sul suo viso non è arrivato il pennello dadaista di Marcel Duchamp a dissacrare il mito trasformandolo nel simbolo di un movimento artistico di rottura, come è successo con i baffi sulla Gioconda. Ma ci sono tanti lavori e citazioni interessanti, che fanno spaziare i nostri occhi e la nostra immaginazione.

Primo fra tutti i rimandi di questa lista che sarà di per sé parziale e soggettiva è quello doveroso che porta al film intitolato come il quadro, con Scarlett Johansson che incarna la ragazza stessa a distanza di 338 anni (dal 1665 al 2003) impressionando con le sue fattezze la pellicola di Peter Webber. Certamente una ripresa – quella cinematografica, basata sul romanzo omonimo di Tracy Chevalier – che è stata anche fonte di divulgazione tra un pubblico più ampio, che ha esteso il fascino di quel quadro tra tanti spettatori non necessariamente appassionati d’arte e con la capacità di coinvolgimento di massa che solo il cinema sa trasmettere grazie alla sua commistione di immagine, musica, narrazione.

Anomala nella sua forma espressiva e proprio per questo notevole, è la versione commestibile della “Ragazza”, resa dalla blogger norvegese Ida Skivenes. Attraverso Instagram e il suo blog, IdaFrosk si fa conoscere per la sua passione: raccontare i quadri utilizzando il cibo tagliato ad arte sopra una fetta di pane.

RagazzaConOrecchinoPerla-in-toast-byIdaSkiveness

La “Ragazza con l’orecchino di perla” in uno dei panini ad arte della norvegese Ida Skiveness

Ecco quindi il turbante reso con una striscia di formaggio con le tartine usate come se fossero tele, dove gli asparagi possono diventare alberi di Van Gogh e i filetti di peperone rosso, giallo e verde le pennellate dell’Urlo di Munch.

Un’artista-fotografa che parte dai capolavori pittorici per fare una riflessione sugli stereotipi legati alla differenze etniche è invece Elizabeth Kleinveld, che la “Ragazza con l’orecchino” ha voluto re-immaginarla con i lineamenti di una giovane asiatica. Sotto a turbante e velluti assolutamente simili a quelli dell’epoca, il ritratto mostra spiazzanti occhi a mandorla. Questa e altre tele fotografiche sono state esposte in novembre dall’artista statunitense nella galleria Rizzoli di Bologna, quindi a poca distanza dal palazzo che ora ospita la sua illustre antenata.

RagazzaConOrecchinoPerla-byElizabethKleinveld

La versione fotografica della “Ragazza con l’orecchino di perla” dell’artista statunitense Elizabeth Kleinveld

Da non tralasciare per l’originalità della materia espressiva è infine il lavoro di Marco Sodano, che utilizzando i mattoncini Lego ha fatto ricomparire quella “Ragazza” con una tecnica che esplicita le modalità descrittive del digitale usando le tessere del gioco come macroscopici pixel. Il famoso quadro si riconosce per le forme, ma ovviamente i particolari si perdono nei pezzettini da costruzione. Un lavoro apprezzabile anche per il messaggio che lancia, che è quello che dietro al gioco si nasconde l’anima dell’arte. Perché il divertimento può essere il motore della creatività, la passione e il sogno piccole tessere che danno senso al mosaico della vita.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
L’EVENTO
Frida Kahlo torna a Bologna
LA SEGNALAZIONE
In mostra la riscoperta ‘Adorazione dei pastori’ di Rubens, al crocicchio fra Rinascimento e manierismo
Cardellino-Goldfinch-Carel-Fabritius-1654-Giardino-Capinere-Lipu-Ferrara
Il cardellino che non ti aspetti: a Ferrara e vicino alla Ragazza con l’orecchino

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi