Home > PARTITI & DINTORNI > Pluralismo e dissenso: Papa e Vescovo

Pluralismo e dissenso: Papa e Vescovo

mario-zamorani
Tempo di lettura: 3 minuti

da: Mario Zamorani, Pluralismo e dissenso

1. Sono battezzato ma agnostico. Nel 1492 i miei avi ebrei, con ben poca carità e misericordia, furono cacciati da Zamora dalla regina Isabella con il convinto consenso di Torquemada dopo i magri risultati del tentativo di conversione forzata di massa. L’anno successivo, nel 1493, gli ebrei approdati in prima istanza a Genova, su invito degli Estensi arrivarono a Ferrara. Mio nonno, Mario Zamorani, ora sepolto nel suggestivo cimitero ebraico di via delle Vigne, fu l’ultimo ebreo, poi prevalse il contesto cattolico e tutti in famiglia furono battezzati.
2. Nella politica italiana per grande parte gli ultimi venti anni sono stati caratterizzati da un potente blocco determinato dal fatto che, invece di produrre politica e cultura politica, gli avversari di Berlusconi si sono affannati nell’antiberlusconismo; contro, non per costrire. E in misura consistente abbiamo perso venti anni di possibilità. Gli scontri frontali producono macerie dalle quali è poi difficile uscire: pèrdono tutti.
3. Oggi è possibile osservare significative differenze fra le parole e le azioni di Papa Francesco e quelle del Vescovo Negri. Da un lato misericordia, carità e tenerezza, dall’altro potere, forse egocentrismo, prevalenza della dottrina, forse paura. Da un lato dolcezza e parola empatica, dall’altro durezza e parola algida, persino sprezzante; da un lato generosità ed umiltà, dall’altro comando. Anelito e invito a costruire ponti in contrapposizione all’alzare muri; pietas contrapposta a crociate e anatemi; parole indirizzate a tutti, anche ai più lontani, con particolare attenzione per gli ultimi, contro parole rivolte soprattutto a quanti siedono in prima fila e ai militanti. Scriveva Pier Paolo Pasolini negli Scritti corsari: “Senza Carità, Fede e Speranza possono essere anche mostruose”. E Paolo nella lettera ai Corinzi, 1.2: “E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla”. E ancora, 1.13: “ Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità!”. Bergoglio mi avvicina all’idea di divinità, Negri mi allontana.
4. In passato ho più volte commentato, in dissenso, alcune parole dure e poco amorevoli del Vescovo Negri: faccio ammenda e non lo farò più. Per il futuro preferisco intervenire per commentare in positivo parole e azioni di Papa Francesco. Invito anche altri che potrebbero avere le mie stesse opinioni a prendere in considerazione questo comportamento.

Mario Zamorani, Pluralismo e dissenso

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi