Se per caso vi imbattete in un foglio bianco, talvolta dagli angoli strappati, attaccato a un muro o appeso sotto un portico, allora probabilmente siete di fronte ad una manifestazione scritta del “Movimento per l’Emancipazione della Poesia”.
Trattasi di versi contemporanei che vengono diffusi per le strade delle città: possono colpire, far riflettere, catturare l’attenzione dei meno appassionati o lasciare indifferenti.
Ciò che si genera da tale iniziativa avviene durante una quotidianità urbana che conduce al dialogo e alla creazione di un rapporto effettivo con tale forma culturale. La strada come luogo di pubblicazione mostra tale intento, raggiungere il maggior numero di persone e tener fede alla promessa di non criticare o censurare qualsiasi creazione poetica.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
LA PROPOSTA
I rischi di un Internazionale bulimico e la necessità di contrastare il ventre molle di Ferrara
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Politica e valori: l’incubo di un sogno rovesciato
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
Se la scuola tornasse a fare il suo mestiere
TACCUINO POLITICO
“Aprire porte e finestre”… Qualche domanda a Massimo Maisto e al Pd ferrarese

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi