Home > PARTITI & DINTORNI > Poggio Renatico, Gibertoni: “La Regione faccia chiarezza sui rischi legati al nuovo radar della Nato”

Poggio Renatico, Gibertoni: “La Regione faccia chiarezza sui rischi legati al nuovo radar della Nato”

movimento5stelle

da: ufficio stampa M5s Emilia-Romagna

Giulia Gibertoni, capogruppo regionale del M5S, ha presentato una interrogazione sull’impianto di ultima generazione in corso di realizzazione nel comune ferrarese. “Verificare l’impatto dell’inquinamento elettromagnetico sui cittadini della zona. Che fine ha fatto l’indagine epidemiologica di dieci anni fa sull’insorgenza di tumori?”

Chiarezza sull’installazione di un nuovo radar militare a Poggio Renatico. È quanto chiede Giulia Gibertoni, capogruppo M5S in Regione, che ha presentato una interrogazione sul caso del nuovo impianto in via di realizzazione nel comune ferrarese e sui possibili rischi che questa novità potrebbe comportare per l’inquinamento elettromagnetico e la salute dei cittadini. “L’innovazione tecnologica che sta riguardando le basi NATO porterà a breve all’installazione di un nuovo radar a Poggio Renatico – spiega Giulia Gibertoni – I lavori sono iniziati nel mese di dicembre del 2014 e una volta conclusi il nuovo radar, caratterizzato da una portata operativa di circa 500 Km, sarà in grado di operare in reale e completa agilità di frequenza oltre a supportare diverse funzioni come la difesa da missili anti-radiazione e da contromisure elettroniche”. Una novità che però, per la capogruppo regionale del M5S, nasconde più di un pericolo visto che al potenziamento della struttura potrebbe corrispondere un impatto di notevole entità di tipo ambientale e un aggravamento dei rischi per la salute dei cittadini delle aree limitrofe alla base militare. “In passato gli impianti della base erano stati oggetto d’indagine come possibile causa d’insorgenza tumorale tra la popolazione locale – spiega Giulia Gibertoni – Nel gennaio 2003 la stampa riportò i risultati di un’indagine epidemiologica dell’ASL di Ferrara che avrebbe rilevato l’incidenza ‘statisticamente anomala, sopra la media attesa localmente’ di ‘tumori infantili a livello cerebrale’. L’amministrazione comunale di Poggio Renatico, ricevuto il rapporto dell’ASL, decise di richiedere l’intervento dell’Agenzia regionale per l’ambiente per monitorare l’intensità delle emissioni delle antenne NATO ma da allora non si è saputo più nulla”. Vista l’installazione della nuova super antenna adesso la capogruppo regionale del M5S vuole vederci chiaro e chiede alla Giunta di verificare se “il nuovo Radar possa o meno arrecare rischi per la salute dei cittadini delle aree limitrofe alla base militare, oltre che se siano state effettuate negli ultimi anni verifiche e indagini epidemiologiche. “Vista l’importanza dell’argomento e la legittima preoccupazione da parte dei cittadini – conclude Giulia Gibertoni – crediamo sia necessario che la Regione sgombri il campo da qualsiasi dubbio”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi