Home > COMUNICATI STAMPA > Politiche per la Salute: la Regioni chiedono al ministro di rivedere la nuova legge sulle certificazioni sportive non agonistiche

Politiche per la Salute: la Regioni chiedono al ministro di rivedere la nuova legge sulle certificazioni sportive non agonistiche

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Regioni e Province Autonome chiederanno al ministro di rivedere la nuova legge sulle certificazioni sportive non agonistiche. Accolta in Commissione nazionale salute la proposta dell’assessore dell’Emilia-Romagna Sergio Venturi: “L’obbligo di effettuare accertamenti sanitari per tutte le persone in buona salute è una misura di scarsa efficacia preventiva. Una scelta che graverà sulle famiglie e sul sistema sanitario. Il rischio è quello di disincentivare le persone, bambini soprattutto, a svolgere attività sportiva”

Rivedere la nuova legge nazionale sulle certificazioni sportive non agonistiche. È la proposta che l’assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna, Sergio Venturi, ha presentato ieri a Roma in Commissione nazionale salute. Su questo argomento, che Venturi aveva chiesto di porre all’ordine del giorno, le Regioni e le Province Autonome hanno condiviso la necessità di scrivere al ministro una lettera per sollecitare un ripensamento della normativa.
La legge – il cosiddetto “decreto Balduzzi” – stabilisce l’obbligatorietà della certificazione per l’attività sportiva non agonistica in modo estensivo e introduce l’obbligo di svolgere vari accertamenti sanitari, incluso l’elletrocardiogramma.
“La previsione di tali accertamenti – spiega l’assessore – che vengono richiesti in modo indiscriminato per tutte le persone in buona salute, senza alcuna valutazione delle caratteristiche di intensità e durata dello sforzo previsto, è una misura impegnativa e onerosa, di scarsa efficacia preventiva e che limita la libertà individuale. Anzi, può determinare un ulteriore abbandono della pratica di attività motoria così importante per garantire la salute delle persone e in particolare dei bambini”.
In particolare, l’obbligo di eseguire una volta nella vita l’elettrocardiogramma “è un intervento di assai scarsa efficacia preventiva – aggiunge Venturi – se rivolto a tutte le persone in buona salute. Dovrebbe invece essere riservato al completamento di approfondimenti diagnostici per patologie croniche conclamate e che comportano un aumentato rischio cardiovascolare”.
Nella richiesta al ministro si sottolinea che i nuovi obblighi introdotti peseranno economicamente sulle famiglie e sul sistema sanitario e potranno indurre nei genitori la convinzione che “muoversi e svolgere attività fisica sia potenzialmente pericoloso. Con il rischio che l’allontanamento dall’attività motoria implementi la già significativa epidemia di obesità che coinvolge i nostri ragazzi”.
Uno degli obiettivi che lo Stato e le Regioni si sono dati con il nuovo Piano della Prevenzione è la promozione dell’attività motoria e sportiva come leva fondamentale per contrastare le malattie croniche: “Questa normativa – conclude la missiva che sarà inviata al ministro – contrasta nettamente con tale finalità. É quindi necessario giungere a una profonda revisione dei suoi contenuti”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi