Home > COMUNICATI STAMPA > Politiche per la sicurezza, il 21marzo in Emilia-Romagna la giornata per le vittime della mafia

Politiche per la sicurezza, il 21marzo in Emilia-Romagna la giornata per le vittime della mafia

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 3 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

Bologna – Cortei, dibattiti, consigli comunali straordinari. Proiezioni di filmati e incontri in scuole e nei luoghi di lavoro. L’Emilia-Romagna dice no alla mafia e anche quest’anno – in occasione della Giornata del 21 marzo dedicata alle vittime della criminalità organizzata e istituita con la legge regionale per la prevenzione dell’infiltrazione mafiosa (l.3/2011) – si mobilita per rafforzare il proprio impegno a favore della diffusione della cultura della legalità. Le iniziative organizzate dalla Regione, dai Comuni, da associazioni di volontariato e sindacali sono molte.
“Si tratta si una giornata importante perché conferma il nostro impegno per difendere il nostro territorio dalle infiltrazioni mafiose: in questi anni, grazie all’intervento della Regione sono stati coinvolti oltre 40.000 ragazzi in attività di formazione, sono stati recuperati beni confiscati alla mafia e ora a disposizione dei cittadini, si sono fatti interventi specifici di formazione dei dipendenti pubblici per saper riconoscere e prevenire fenomeni di crimine organizzato, non è un caso che la Regione si sia presentata come parte civile nel processo Balk Money per dimostrare come faccia sempre seguire alle parole i fatti”, spiega Simonetta Saliera, vicepresidente e assessore regionale alle Politiche della Sicurezza, che venerdì prossimo parteciperà a tre importanti appuntamenti: alle 10.30 in Piazza Nettuno a Bologna in occasione del corteo di Libera, alle 11.30 interverrà in Consiglio comunale sempre a Bologna e alle 17.30 a Bellaria parteciperà al convegno pubblico “StopBalanqueo#letestimonianze” insieme, tra gli altri, a: Palma Costi, presidente dell’Assemblea legislativa regionale; Lirio Abbate, scrittore e giornalista de “L’Espresso”; Pippo Giordano, ex ispettore della Dia e collega di Paolo Borsellino e Dario Vassallo, fratello di Angelo, sindaco di Pollica ucciso dalla criminalità organizzata.
Tra gli altri appuntamenti previsti per celebrare la giornata del 21 quello di Ferrara (proiezione al Cinema Boldrini del film “La Voce di Impastato” e successivo Consiglio comunale) e Parma (con la performance al Teatro Galli in occasione del ventennale dell’assassinio di Don Peppe Diana e, alla sera, fiaccolata di Libera in Piazza Garibaldi), ma anche a Ravenne, Modena e nelle altre città della regione. Molte amministrazioni comunali, poi, hanno aderito direttamente all’iniziativa organizzata a livello nazionale da Avviso Pubblico e che si terrà venerdì 22 marzo a Latina con il seminario “Le mafie fuori dal Comune. Come prevenire e contrastare l’infiltrazione mafiosa negli enti locali”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi