Home > COMUNICATI STAMPA > Polizia locale di Ferrara: i Sindacati Autonomi chiedono tempi brevi per le dotazioni e la riorganizzazione del corpo

Polizia locale di Ferrara: i Sindacati Autonomi chiedono tempi brevi per le dotazioni e la riorganizzazione del corpo

Tempo di lettura: 3 minuti

Da: Ufficio Stampa DICCAP e SULPL

I Sindacati DICCAP (Dipartimento Autonomie Locali e Polizie Locali e SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), Sindacati più rappresentativi per la Polizia Locale Italiana, ritengono doveroso intervenire in merito agli articoli sulla sicurezza in zona Gad apparsi su alcune testate giornalistiche.
Se si vuole che la Polizia Locale agisca in sicurezza si deve accelerare sulle dotazioni di sicurezza, tra cui l’armamento.
Auspichiamo quindi che l’amministrazione e il Comandante Rimondi diano un input deciso e tempi brevi per dotare il Corpo di tutte le dotazioni di sicurezza necessarie.
Non esiste solo la zona GAD, ma le recenti cronache dimostrano come la Polizia Locale operi in prima linea in tutta la città, senza tirarsi mai indietro quando si deve intervenire su problemi di sicurezza urbana.
Inutile attaccarsi ad idee anacronistiche sui concorsi e sulla idoneità al tiro cose già l’altro previste dalla legge come requisito individuale prima di ricevere l’idoneità al maneggio di un’arma.
Il funzionario della Fp-CGIL invece di arrampicarsi sugli specchi deve pubblicamente dire se finalmente si schiera a favore della sicurezza dei lavoratori oppure se continua a portare avanti lotte di principio ed anacronistiche di cui lui stesso si è fatto portavoce non più di 6 mesi fa (“i vigili non devono essere armati”).
Siamo d’accordo riguardo alla rivisitazione del progetto sull’impiego della Polizia Locale in orario serale per renderlo adatto alle nuove esigenze che richiederà l’amministrazione di Ferrara, anche su questo tema notiamo come qualcuno che adesso critica questa esperienza non più di otto mesi fa abbia messo la firma sull’accordo sindacale.
Comprendiamo che il nuovo Comandante avrà un enorme lavoro in quanto c’è da riorganizzare un Comando che la precedente gestione aveva portato ad essere fanalino di coda tra i vari Corpi di Polizia delle città capoluogo.
Ma come sindacati crediamo che si debbano stringere i tempi ed evitare che qualcuno si faccia male, ad oggi gli agenti ci continuano a segnalare un’anacronistica gestione del personale che prevede poca sicurezza non solo per chi va in Gad ma anche per altri servizi importanti come i servizi sportivi SPAL o l’ausilio alle forze di polizia statale in materia di ordine pubblico.
Auspichiamo quindi tempi stretti e certi sia per le dotazioni di sicurezza (armamento, Taser ecc…) che per la riorganizzazione del Corpo, Rimondi avrà il suo bel da fare, ma come sindacati daremo il nostro contributo portando all’attenzione del Comandante tutte le problematiche che ha la Polizia Locale “Terre Estensi” e che DICCAP e SULPL denunciano da sempre.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi