Home > COMUNICATI STAMPA > Polizia provinciale sanziona per abbandono illegale rifiuti a Lido Pomposa.

Polizia provinciale sanziona per abbandono illegale rifiuti a Lido Pomposa.

Tempo di lettura: 2 minuti

 

Comunicato Stampa Provincia di Ferrara.

Un’azione di contrasto all’abbandono illegale dei rifiuti al lido di Pomposa, nel territorio del comune di Comacchio. La Polizia provinciale, grazie alla segnalazione di una cittadina, ha dato avvio a un’attività di ricerca per risalire a chi avesse lasciato un sacco di rifiuti nei pressi di un contenitore, anziché depositarli all’interno. Gli uomini in divisa dell’amministrazione guidata dal vicepresidente Nicola Minarelli, sulla scorta di diversi indizi, sono riusciti a risalire al responsabile dell’abbandono di quel sacco abbastanza voluminoso, contenente rifiuti domestici. Si è trattato di una signora che ha appunto depositato quel sacco, giustificandosi che aveva fretta e non aveva tempo di aprire il cassonetto e buttarlo dentro, come correttamente si doveva fare.

Alla signora è stata contestata una sanzione amministrativa di 50 euro, come previsto dal regolamento di Atersir, che saranno introitati dall’amministrazione comunale di Comacchio. “Ringrazio infinitamente quella cittadina che si è esposta senza esitare, facendo una segnalazione precisa è puntuale e consegnando anche una testimonianza scritta di quello che aveva visto, grazie alla quale – dice il comandante della Polizia provinciale Claudio Castagnoli – siamo riusciti a risalire a chi aveva abbandonato questi rifiuti. È certamente una piccola cosa rispetto alla ancor troppo diffusa mancanza di educazione nel corretto conferimento – continua Castagnoli – non dimentichiamo che ogni volta che qualcuno abbandona un rifiuto in modo sbagliato, i costi del suo recupero ricadono su tutta la stragrande maggioranza dei cittadini per bene. Tuttavia – conclude il comandante – è comunque un segnale che indica che laddove i cittadini collaborano con le forze di polizia i risultati arrivano, con effetti sempre di contrasto all’illegalità per tutelare quel bene unico e straordinariamente prezioso che è l’ambiente nel quale viviamo”.

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi