Home > COMUNICATI STAMPA > Pomodori, bietole e grano: il maltempo non risparmia l’agricoltura ferrarese

Pomodori, bietole e grano: il maltempo non risparmia l’agricoltura ferrarese

Da: Cia – Agricoltori Italiani Ferrara
FERRARA, 6 maggio 2019 – Un inizio di maggio che sembra autunno con basse temperature, piogge abbondanti, vento forte e grandine. Cia – Agricoltori Italiani Ferrara sta valutando l’entità dei danni, dopo l’ondata di maltempo che ha colpito duramente le produzioni cerealicole e da seme, il pomodoro e le bietole. Secondo l’associazione si tratta di una situazione climatica eccezionale, che conferma però una tendenza ormai consolidata: quella di fenomeni atmosferici improvvisi, violenti e fuori stagione, capaci di rovinare in poche ore il lavoro di settimane o mesi delle aziende agricole.

“Nel Basso ferrarese – spiega Barbara Bersani, imprenditrice agricola di Longastrino – il vento e la pioggia hanno colpito duramente, tanto che le piantine di pomodoro sono state letteralmente sommerse dalla terra e quasi non si vedono più in campo. Stessa sorte per le barbabietole, che peraltro in questi giorni dovevano essere sottoposte a cimatura e che sono, invece, completamente sdraiate. Danni diffusi anche alle produzioni cerealicole, in particolare frumento e orzo che stavano avendo un buon andamento vegetativo e che ora sono allettati. Per le produzioni cerealicole i cali produttivi ci saranno, speriamo di poter recuperare le altre colture, anche se naturalmente questo significa un aumento dei costi di produzione, perché il clima umido e la pioggia favorirà sicuramente l’insorgere di malattie fungine molto aggressive sul pomodoro. Anche la grandine, seppur non di dimensioni e quantità consistenti, ha contributo ai danni generali”.

I tecnici di Cia Ferrara stanno già raccogliendo le diverse segnalazioni e ribadiscono l’importanza delle assicurazioni agricole che, in molti casi, possono fare la differenza e colmare la perdita di reddito. Non sembrano esserci, finora, le condizioni per richiedere lo stato di calamità, ma naturalmente si stanno ancora effettuando i sopralluoghi e la situazione sarà certamente più chiara nei prossimi giorni, anche in base all’andamento climatico che prevede una tregua, poi nuovamente un periodo di instabilità e piogge.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi