Il difetto è quella debolezza, quella mancanza che ci contraddistingue tanto quanto un nostro pregio. Generalmente ci accompagna sin dall’infanzia e magari ci è valso sgridate e litigate con i genitori, con i fratelli o con gli amici.
Può essere uno solo, ma eclatante, o possono essere tanti piccoli, perché le combinazioni sono infinite. Così come infiniti sono i modi per affrontare i propri difetti, imparare a gestirli e a conviverci, perché se c’è chi li ama e non vorrebbe cambiare di sé nemmeno quelli, c’è anche chi si sforza di plasmarsi nel tentativo, non tanto di eliminarli definitivamente, ma almeno di smussare quegli angoli che rendono difficile o addirittura doloroso conviverci.
Come in tante cose, in medio stat virtus: amare i propri difetti quasi fino a trasformarli in pregi rischia di diventare esso stesso un difetto, così come d’altro canto il non accettare di avere dei limiti che ci accompagnano per la vita come fossero il nostro marchio di fabbrica.

“Per natura non abbiamo difetto che non possa diventare un punto di forza, nessun punto di forza che non possa diventare un difetto.”
Johann Wolfgang Goethe

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Commenta

Ti potrebbe interessare:
Le personalità invisibili
Lo studio dell’altro
Il piacere della collaborazione
LA CITTA’ DELLA CONOSCENZA
La società pruriginosa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi