Home > COMUNICATI STAMPA > Presentato al Cinema Boldini “Antropocene – L’epoca umana”

Presentato al Cinema Boldini “Antropocene – L’epoca umana”

Da: Ufficio Stampa Arci Ferrara

Proiezione speciale al Cinema Boldini mercoledì 23 ottobre ore 21. Ingresso 5€. Introduzione a cura di Stefano Mazzotti – direttore del Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara.

Mercoledì 23 ottobre alle ore 21 verrà proiettato al Cinema Boldini il documentario “Antropocene – L’Epoca Umana, completamento, dopo Manufactured Landscapes (2006) e Watermark(2013), di una trilogia di documentari sull’impatto delle attività umane sul nostro pianeta.

La tesi dell’Anthropocene Working Group, che ha avviato i suoi studi nel 2009, è che gli ultimi 10.000 anni costituiscano un’era geologica vera e propria. Il termine “antropocene” quindi indica l’epoca geologica nella quale stiamo vivendo e identifica il momento, nella vita della Terra, nel quale le principali modifiche territoriali, climatiche e strutturali sono attribuibili alle azioni dell’essere umano. Il film parte da un assunto, ovvero che l’umanità sta sfruttando più del dovuto il pianeta, compromettendone lo stato e creando conseguenze potenzialmente ancora più gravi, e lo sviluppa in maniera organica e complessa con immagini spettacolari, aeree o subacquee, dal forte impatto visivo e suono che sottolinea ed enfatizza.

In Kenya si accatastano le zanne sequestrate ai bracconieri che uccidono gli elefanti per ottenere l’avorio da commercializzare sui mercati asiatici. In Siberia la città di Norilsk ospita le miniere di nichel e altri metalli più grandi del mondo ed è tra i luoghi più inquinati del pianeta. Agli antipodi, il deserto cileno di Atamacama è punteggiato di vasche gialle o azzurre dove si tratta il litio, fondamentale per le batterie dei telefoni o delle auto elettriche. A Immerath, Germania, vengono abbattute case e quartieri per allargare le miniere di carbone a cielo aperto.

Per realizzare il documentario sono stati necessari anni: un progetto mastodontico gestito dalla regista e sceneggiatrice Jennifer Baichwal insieme ai registi Edward Burtynsky e Nicholas de Pencier, tutti con un curriculum nel mondo del documentario canadese. Un viaggio in sei continenti e venti nazioni alla ricerca dei luoghi che meglio evidenziano le nefaste conseguenze dell’antropocene, e che nella versione italiana vengono narrati dalla voce di Alba Rohrwacher.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi