Home > COMUNICATI STAMPA > Presentazione libro: “Migliarino di ieri e di oggi” a cura di Carlo Paganini

Presentazione libro: “Migliarino di ieri e di oggi” a cura di Carlo Paganini

Da: Nuove Carte

Migliarino, Campo Sportivo ▪ 17 agosto 2019 ore 17.00

Presentazione del volume di

Carlo Paganini

Migliarino di ieri e di oggi

Nuovecarte, 2019

Sabato 17 agosto p.v. presso il Campo Sportivo di Migliarino (viale G. Matteotti, 21), verrà presentato il libro di Carlo Paganini dal titolo Migliarino di ieri e di oggi, appena uscito presso la casa editrice ferrarese Nuovecarte.

Il volume, che si apre con la prefazione del giornalista Dario Salvadego (che molti ricorderanno come voce e volto del basket ferrarese per Telestense e “medico delle piante” nella fortunata trasmissione “Agreste” della stessa rete), è arricchito da oltre 100 immagini, quasi tutte realizzate da Luigi Padroni, appassionato di fotografia, oltre che di arte e di cavalli. La copertina riporta un’illustrazione di Matteo Paganini, ma tante altre sono le voci che affiancano l’autore in questa “corale” costruzione.

Già queste poche note, infatti, danno la misura di come sia stato pensato e scritto il volume di Carlo Paganini: attraverso una fitta rete di amicizie, collaborazioni, testimonianze che l’autore ha saputo mettere a frutto raccogliendo nelle 200 pagine (tutte a colori) la storia antica e attuale del paese di Migliarino.
Mi piace pensare che questo libro possa servire come ricordo dei fatti più significativi degli abitanti di Migliarino perché il valore del sapere è, per me, la cosa che conta di più, dichiara egli stesso in apertura.

In effetti quello di Paganini è stato un esercizio che potremmo dire dal sapore “etnografico”, se questo volume servirà alle generazioni attuali, per capire qualcosa di più del loro passato, a quelle future, per non dimenticare e, in qualche modo, mettere un punto sulla situazione alla data odierna: la toponomastica, gli edifici importanti, le famiglie di ieri e di oggi, radicate da secoli o appena giunte da Paesi lontani, le loro attività, l’ingegno, l’operosità che si respira ad ogni riga, la solidarietà, il volontariato, l’arte, lo sport e altro ancora, con qualche ironica stoccata per piccoli difetti, ma molto più con l’amore palese di chi di diritto può permettersi la licenza di rievocare gli echi del passato e di antiche memorie di quella che è divenuta la sua casa, tanto più che lui ha saputo farlo con grande garbo, commuovendosi (e quindi commuovendo), con la stessa delicatezza che ognuno di noi dedica alle cose che gli stanno più a cuore. Le sue emozioni, a tratti davvero palpabili, sapranno diventare le emozioni di chi, di queste cronache, si appresta a leggere il magistrale racconto (Dario Salvadego).

Ricordiamo che alla presentazione faranno seguito buffet e musica, con la partecipazione di Luciano Valieri, Cristina Marzola, Romano Sgarzi e… tanti altri.

********************
Carlo Paganini è nato il 25 settembre 1940, ha frequentato le scuole elementari a Caprile e l’avviamento agrario a Codigoro. Ha vissuto a Pontelangorino fino agli anni ’60, per poi trasferirsi a Fara Novarese (NO). Si diplomerà perito agrario, si sposerà, avrà due figli e una figlia, ora tutti sposati. Dai loro matrimoni nasceranno cinque nipoti. Dal 1970 si trasferirà a Savigliano (CN), dove rimarrà fino al 1976, per poi tornare alle origini: prima ad Argenta (due anni) poi a Migliarino (definitivamente) dal 1978 ai giorni nostri. Ha sempre operato nel reparto agricolo con molteplici incarichi (rappresentante, capo area, direttore di cooperativa agricola). Dopo 100 profili (Ferrara 2017), ora si mette alla prova una seconda volta, con Migliarino di ieri e di oggi, orgoglioso di appartenere da 41 anni a questa Comunità.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi