28 Maggio 2022

PRESTO DI MATTINA
Mi meraviglio del vangelo

Andrea Zerbini

Tempo di lettura: 11 minuti

stella alpina meraviglia
Mi meraviglio del vangelo

«La pietra scartata dai costruttori è divenuta la pietra d’angolo. Questo è stato fatto dal Signore: una meraviglia ai nostri occhi» (Sal 118, 22-23).

Ho pensato che in questo versetto del salterio si compendia e ricapitola tutta la meraviglia racchiusa tra le pagine del vangelo, come tesoro nascosto, perla preziosa più di tutte.

Del resto è proprio questo versetto del salmo che Gesù stesso – stando a tutti i vangeli sinottici − cita a commento della propria drammatica vicenda, narrata dalla parabola dei vignaioli omicidi, come metafora dell’inaudita e impensabile meraviglia operata da Dio nella “vita scartata” del profeta di Nazareth.

La morte trafitta dalla vita. Fu questa la sorpresa dapprima tutta interiore del centurione romano che sotto la croce, colpito da quella morte che inconsapevolmente lui stesso stava trafiggendo con la lancia, non riuscì a trattenersi professando parole di stupita meraviglia.

La parola della fede che improvvisa svelava l’identità inaudita del crocifisso: «Davvero costui era figlio di Dio». Un avverbio di valore assertivo, quel “davvero”, che racchiudeva, nel luogo del cranio, un’esplosione di stupore: la meraviglia testimoniale della fede di un pagano per ciò che i suoi occhi stavano contemplando in quell’umanità crocifissa: la presenza di Dio.

Una meraviglia non dissimile a quella degli increduli pastori di Betlemme, di fronte alla visione degli angeli che annunciavano la nascita di Gesù all’inizio del Vangelo.

Stupore e gioia grande, la loro, che si ritrova pure nei discepoli e discepole sorpresi da non credere e stupefatti da quella meraviglia accaduta loro il mattino di Pasqua al levar del sole alla fine del vangelo. La pietra scartata del sepolcro è diventata pietra d’angolo, inizio di una nuova storia.

Ma il vero è che meraviglia e stupore affiorano lungo tutti i vangeli, ad ogni manifestarsi della identità nascosta in Gesù, della forza che usciva da lui (exousia): quella che si specchia nel suo agire taumaturgico in grado di ribaltare le sorti umane irrimediabilmente perdute:

«I presenti furono presi da stupore e dicevano: “Chi è mai costui al quale i venti e il mare obbediscono?”»; «e le folle, prese da stupore, dicevano: “‘Non si è mai vista una cosa simile in Israele!”»; «e, pieni di stupore, dicevano: “Ha fatto bene ogni cosa: fa udire i sordi e fa parlare i muti!”». «Lo stupore infatti aveva invaso lui, Pietro e tutti quelli che erano con lui, per la pesca che avevano fatto».

Meraviglia e stupore – quest’ultima parola traduce il greco extasis, ‘tirato fuori di sé per l’accaduto’ – intrecciano entrambi anche l’agire di Dio in favore del suo popolo. Le opere meravigliose da lui compiute ordiscono come un filo rosso tutta la storia della salvezza, dalle storie dei Patriarchi a quella storia dell’Esodo sino ai Profeti.

Meraviglie tutte cantate e testimoniante con 37 ricorrenze nel libro dei salmi. La meraviglia narrata nel salmo 126, 1 è per un sogno impossibile che si realizza: «Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion, ci sembrava di sognare»; «Siamo stati liberati come un passero dal laccio dei cacciatori: il laccio si è spezzato e noi siamo scampati» (Sal 124, 7).

Meravigliarsi è un verbo che viene usato per accentuare il valore di ciò che è accaduto; per focalizzare tutta l’attenzione su eventi inattesi, insperati, inimmaginabili. Nella Bibbia è l’epifania di Dio, il suo manifestarsi nell’operare che suscita uno stupore incredibile.

Come ogni manifestazione del sacro, così il manifestarsi di Dio nella storia, suscita ad un tempo inquietudine e meraviglia, timore e gioia, stupore e incredulità. La sua epifania attrae e respinge al contempo.

Mysterium tremendum et fascinas è il sacro, così pure il manifestarsi del Santo al suo popolo. Pensiamo al racconto del Roveto e alla rivelazione al Sinai, nonché alle fitte tenebre in pieno meriggio e il terremoto sconvolgente con cui Matteo descrive la morte e la risurrezione di Gesù.

Ma anche il verbo greco thaumàzein − la cui radice si ricollega a vedere, contemplare lo spazio aperto dell’agire di Dio che si apre un varco nello spazio ristretto dell’uomo − traduce il nostro stupirsi, strabiliare, sbilanciarsi oltre sé perdendo in certo modo l’equilibrio.

Un termine, thaumàzein, che nei vangeli esprime due atteggiamenti diversi, ma entrambi connessi alla fenomenologia del sacro. Da un lato, un aspetto critico, dubitativo, quasi una non accettazione derivante dall’incomprensione, dalla durezza di cuore, dalla chiusura di fronte all’evidenza dell’accaduto, dalla mala fede: Gesù si meravigliava della loro incredulità e ostinazione.

Dall’altro lato esprime invece un osservare con meraviglia la fede presente e vivissima dove sembrava non ci fosse: la meraviglia di Gesù di fronte alla fede del centurione (“non ho trovato in Israele una fede così”) o della donna cananea: «davvero, grande è la tua fede» (di nuovo ritroviamo l’avverbio di chi resta grandemente sorpreso).

Così come nell’antichità la meraviglia era l’inizio della filosofia, la condizione per chi avesse il desiderio di conoscere e diventare amico della sapienza, parimenti lo stupore introduce nella fede, la precorre, è per essa angelo nunziante di una fedeltà che muta le sorti: «La pietra scartata dai costruttori è divenuta la pietra d’angolouna meraviglia ai nostri occhi».

Per questo, non posso non meravigliami ogni volta del vangelo quando le sue parole diventano parole per me, che mi parlano ancora e mi rialzano sulla via: «sorpresa di un amore», al modo di un seme che all’improvviso germoglia tra pietra e pietra, di una stella alpina nel crepaccio oscuro di una roccia, o di vite in pianto che recisa dei suoi rami per quella povertà diviene feconda di una moltitudine di frutti.

 

Praticare la meraviglia

Praticare la meraviglia dentro questo «immenso non sapere» che è sempre il vangelo, come pure dentro lo sprofondo oscuro e luminoso della nostra vita tra la gente, diventa un esercizio della libertà che si affida. Chiamati a praticare la meraviglia nella forma di una con-versatio, un andare verso tutto ciò che è abitato dallo spirito: «alberi, animali e il cuore umano».

Non finirò mai di meravigliami di quel vangelo nascosto dentro le persone che incontro tutti i giorni, ed anche in quelle che “incontro” nei libri da loro scritti. È stato così anche questa volta aprendo il libro ancora odoroso di stampa di Chandra Candiani [Qui], Questo immenso non sapere. Conversazioni con alberi animali e il cuore dell’uomo, (Einaudi Torino 2021).

Ci rammenta la Candiani che «gli animali e gli alberi insegnano a non sapere, a tollerare di stare al mondo senza l’ossessione di capire… perché sanno abbandonarsi, conoscono e insegnano una fiducia primaria e radicale» (ivi, 11).

Mi sono detto così che lo stesso accade con il vangelo: ti insegna l’attesa confidente dimorando nel non sapere; ti invoglia a non chiudere le sue pagine, a non pensarlo finito quando hai terminato la lettura e non hai trovato niente, perché il sapere Gesù Cristo e la sua amicizia è una vita che si conosce e ti meraviglia solo condividendola, intrecciandoti ad essa; un amore da vivere che resta sempre «un immenso non sapere».

L’invito della Candiani è quello allora di praticare la meraviglia, una buona pratica pure del credere e dell’amare. Esercitarsi a non sapere e a meravigliarsi è come entrare così attraverso l’evangelica porta stretta che dischiude alla vita ancora nascosta, alla parola ancora silenziosa, al gesto immobile, alla pietra non ancora riscattata.

«Una buona pratica, preliminare a qualunque altra, è la pratica della meraviglia. Esercitarsi a non sapere, a meravigliarsi. Guardarsi attorno e lasciar andare il concetto di albero, strada, casa, mare e guardare con sguardo che ignora il risaputo e vede ora.

La pratica della meraviglia è una pratica che cura anche il cuore più ferito della terra. Si può andare a trovare un piccolissimo pezzo di prato, un pizzico di prato c’è sempre, anche in città. E guardare. A lungo. Si apre un universo minimo. Infinite vicende, mutamenti, arrivi, partenze, forme sempre più piccole man mano che lo sguardo si limita a vedere. Esercitare la meraviglia cura il cuore malato che ha potuto esercitare solo la paura» (ivi, 9).

 

Meravigliosa meraviglia di un amore

La poetessa Hadewijch di Anversa [Qui], visionaria e maestra spirituale vissuta nel ducato di Brabante del XIII secolo, è stata una delle voci più appassionate della letteratura e lingua neerlandese parlata in Olanda e nel Belgio settentrionale.

Racconta che una volta, sentendo un sermone che gli dissero essere scritto da Agostino, si infiammò talmente tanto interiormente che le sembrò come se il mondo intero dovesse essere incendiato dalla stessa fiamma che sentiva ardere in lei, e tutta presa da questa meraviglia di amore esclamò: «L’amore è tutto».

È proprio questa la chiave di lettura più propizia con cui accingersi alla lettura dei suoi Canti di amore, proposti per la prima volta in una integrale traduzione italiana. È «la splendida voce di una donna libera», scrive Chiara Frugoni [Qui].

Una mistica che percorreva la “via di mezzo” ricorda poi Francesca Barresi nell’introduzione: «Tra la fine del dell’XI e XIII secolo… avvenne allora un fatto inedito: alcune di quelle (donne) che non riuscivano ad essere accolte in istituti regolari scelsero di esprimere la propria religiosità al di fuori dei modelli fino ad allora noti, affermando la propria libertà d’esistenza sociale e religiosa pur non essendo né mogli né monache.

Queste donne, che senza prendere voti o ricevere alcuna consacrazione si dedicarono alla preghiera, all’apostolato, alle opere assistenziali, nei documenti ufficiali e in altri testi del tempo vengono chiamate mulieres religiosae, dette “beghine” nelle lingue volgari…

Socialmente non classificabili come laiche né ecclesiasticamente riconosciute come religiose, queste donne manifestano il desiderio di condurre una vita mixta, conciliare cioè vita attiva e contemplativa, unendo nella propria quotidianità il lavoro di assistenza al prossimo ad un’intensa attività di preghiera e contemplazione» (Canti, CED, Bologna 2022, 25).

Precisa ancora la Frugoni nella prefazione che «Hadewijch, in quanto beghina, anzi, magistra di beghine, fu una mistica che compì un passo ulteriore, perché non ebbe un marito, ma nemmeno scelse l’isolamento del chiostro, dove le monache, pur conducendo singolarmente una vita di astinenza e di preghiera, erano pur sempre donne custodite da uomini, obbligate ad avere vasti possedimenti e persone che lavorassero per loro per assicurarne il mantenimento.

In quanto beghina, Hadewijch si mantiene con il lavoro delle sue mani: è, dunque, una donna che non ha un marito, né ha sopra di sé un vescovo o un sacerdote a cui debba dare conto, o un confessore che traduca le sue parole, le sue visioni mistiche, nel latino della Chiesa, condizionato da una concezione maschile e misogina della donna. Hadewijch è completamente libera e libera è la sua voce, che può esprimersi con la più grande autonomia» (ivi, 7).

Sua è l’espressione «meravigliosa meraviglia» e «incomprensibile meraviglia» è l’amore: «Quando Amore eguaglia a sé gli amanti,/ e si dà all’amore con amore,/ non so come – rimane indicibile/ e anche incomprensibile,/ perché nulla esiste di simile -/ come Amore abbracci l’amato» (ivi, 142).

 Viaggerà lontano chi vuole portare a compimento l’amore:
– per la sua vasta immensità, sulle sue più alte altezze,
nel suo fondo più profondo –
esplorandone le vie in ogni tempesta,
fino a conoscere la meravigliosa meraviglia
che è: attraversare la distesa selvaggia,
continuare a camminare e mai fermarsi,
sorvolare le altezze e scalarle,
nuotare attraverso l’abisso
per ricevervi l’amore, tutto l’amore.
(ivi, 144).

Per leggere gli altri articoli di Presto di mattina, la rubrica di Andrea Zerbini, clicca [Qui]

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Andrea Zerbini

Andrea Zerbini

Ti potrebbe interessare:

  • La lingua corrotta della campagna elettorale

  • I SIMBOLI ELETTORALI SONO 101
    ma milioni di italiani restano senza rappresentanza

  • Per certi versi /
    La pineta di Volano

  • L’Angelo della conoscenza

  • PRESTO DI MATTINA /
    Una casa nella tua casa

  • La Fiamma

  • Le storie siamo noi

  • esperto, sapiente, lettore accanito

    Il Governo dei Migliori e i Migliori tra i docenti.
    La grottesca lotteria inventata dal ministro Bianchi.

  • PENSARE COME UN ALBERO
    Vita (d)alla finestra

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi