COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Primo bilancio dell’iniziativa di sensibilizzazione del movimento di ristoratori, che giovedì scorso ha toccato i capoluoghi di 7 province

Primo bilancio dell’iniziativa di sensibilizzazione del movimento di ristoratori, che giovedì scorso ha toccato i capoluoghi di 7 province

Tempo di lettura: 4 minuti

Da: Movimento Ristoratori Emilia-Romagna

Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ferrara e Rimini

“Abbiamo voglia di ripartire, di rivedere i sorrisi dei clienti, ma servono regole certe e sostenibili. Indispensabili anche aiuti economici.”

Federico Riccò, portavoce regionale del movimento Ristoratori Emilia-Romagna, che riunisce circa 800 esercizi della regione, sottolinea l’importanza del supporto

che i professionisti del settore possono fornire nell’individuare le soluzioni concrete e compatibili con lo svolgimento del loro lavoro. Aperto un costruttivo dialogo con la Regione e con diversi amministratori locali

Preoccupazione, ansia, desiderio di ripartire, richiesta di regole certe, applicabili, compatibili con lo svolgimento dell’attività di ristorazione e sostenibili anche dal punto di vista economico. Ma soprattutto tanta determinazione e caparbietà, pur nella consapevolezza che sarà durissimo riaprire, che solo facendo gruppo non ci si sentirà soli e che, comunque, non basterà la buona volontà per risollevarsi e tornare ad accogliere i clienti con l’entusiasmo di sempre. Sono questi i sentimenti, spesso contrastanti, emersi in occasione della giornata promossa dal neonato movimento Ristoratori Emilia-Romagna per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle criticità che riguardano il settore e avanzare proposte per agevolare e sostenere la ripresa.

Una giornata scandita da sette tappe che si sono snodate da Piacenza a Rimini, passando per Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara. In ognuno dei capoluoghi si è tenuta, circa ogni due ore, una conferenza stampa. I giornalisti hanno incontrato ogni volta un rappresentante locale del movimento: a Piacenza lo chef Emiliano Arcelloni, a Parma Andrea Nizzi, chef, presidente del Consorzio Parma Quality Restaurants, a Reggio Emilia il ristoratore Paolo Croci, rappresentante dei Ristoratori REsponsabili Reggio Emilia, insieme a Federico Riccò, portavoce regionale del Gruppo, a Modena Stefano Corghi, Presidente di Modena a Tavola, a Bologna Carlo Alberto Borsarini, presidente dell’Associazione Tour-Tlen, a Ferrara Silvia Tonioli, presidente Unione Ristoratori Ferrara e, infine, a Rimini, Diego Nanni in rappresentanza dei ristoratori locali.

Ristoratori Emilia-Romagna è un gruppo nato in modo spontaneo poche settimane; oggi può contare sull’adesione e il sostegno di circa ottocento realtà, singoli ristoratori e gruppi già organizzati a livello provinciale, come Parma Quality, OstiNati di Parma, Consorzio Modena a Tavola, Ristoratori Responsabili di Reggio-Emilia, Tour-Tlen di Bologna, Rinascita Pubblici Esercizi e Ristoratori Romagna e Unione Ristoratori Ferrara.

“Nessuna protesta chiassosa o urlata, quanto piuttosto la volontà di far sentire e ascoltare la nostra voce. L’obiettivo è semplice, mettere in rete passione e competenze e farne sintesi, per dare il proprio contributo ai soggetti decisori, nazionali, regionali e locali, affinché possano attingere suggerimenti e valutazioni da chi vedrà ricadere sulla propria pelle le decisioni assunte a livello politico e amministrativo. Questo dialogo è indispensabile per individuare le leve più adatte su cui agire a livello normativo: contributi a fondo perduto, eliminazione di alcune tasse, alleggerimento della burocrazia” spiega Federico Riccò, portavoce del Gruppo Ristoratori Emilia-Romagna.

“Il nostro è un movimento spontaneo, trasversale, totalmente sganciato da correnti di tipo politico. Stiamo agendo su due fronti: da un lato stiamo operando per allargare il numero di consensi e di adesioni al manifesto, dall’altro ci stiamo proponendo agli interlocutori politici per costruire insieme, nel rispetto dei ruoli e della sicurezza sanitaria, percorsi sostenibili per la ripresa dell’attività” prosegue Riccò.

“In entrambi i casi i riscontri sono positivi. Le adesioni sono in costante crescita e stanno arrivando, oltre che da ristoratori, anche da aziende e Consorzi della filiera in cui noi siamo inseriti. Non mancano i sostegni a livello nazionale, a partire dalla prestigiosa associazione “Gli Ambasciatori del Gusto”. Abbiamo inoltre già in calendario una seconda video conferenza con l’Assessore regionale al Turismo e al Commercio Andrea Corsini. Siamo molto contenti dell’attenzione riservataci, ora vediamo cosa emerge” conclude Federico Riccò.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi