COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Proiezione del film “La lunga notte del ’43” lungo il muro del Castello Estense

Proiezione del film “La lunga notte del ’43” lungo il muro del Castello Estense

Shares

Da: Istituto di storia contemporanea Ferrara

Un evento di particolare significato per rendere omaggio a un maestro del cinema che ha fatto conoscere nel mondo la nostra città attraverso la sua passione e il suo impegno dietro la macchina da presa. Sarà infatti tutta dedicata a Florestano Vancini, in occasione dei dieci anni dalla sua scomparsa, avvenuta il 18 settembre 2008, la serata organizzata dall’Istituto di Storia Contemporanea in collaborazione con il Comune di Ferrara e con il contributo del Comitato nazionale Celebrazioni del Centenario della nascita di Giorgio Bassani, che vedrà la proiezione del capolavoro del regista ferrarese, La lunga notte del ‘43, in Corso Martiri della Libertà, lungo il muretto del Castello Estense dove saranno allestiti il maxischermo e circa quattrocento posti a sedere. L’appuntamento è per domani, sabato 15 settembre, alle 21, mentre in caso di maltempo la visione avrà luogo dentro il teatro comunale “Claudio Abbado”. In apertura interverranno il sindaco Tiziano Tagliani, Daniele Ravenna, il docente Alberto Boschi dell’Università di Ferrara, la figlia del regista Gloria Vancini e coordinerà Anna Quarzi.
Fu un episodio sanguinoso, il primo eccidio di guerra civile a cui il giovane Florestano, all’epoca diciasettenne, assistette con sgomento, tanto da rievocare quel doloroso ricordo attraverso il racconto “Una notte del’43” di Bassani oltre un decennio dopo. Il lungometraggio non ebbe vita facile: subì diverse pressioni durante la realizzazione per via della tematica affrontata ancora assai sensibile durante gli anni Cinquanta: italiani che uccidono italiani. Nonostante le difficoltà, il film arrivò nelle sale nel 1960 ottenendo un grande successo e il premio opera prima alla Mostra del Cinema di Venezia di quell’anno.
La passione civile e l’amore per la storia di Florestano Vancini ha influenzato buona parte dei suoi lavori, si pensi a Il delitto Matteotti del 1973, a Bronte: cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato (1972), o ancora La neve nel bicchiere (1984) o l’ultimissimo omaggio alla sua Ferrara nel 2005, E ridendo l’uccise, un amaro viaggio tra ipocrisie e vendette nell’epoca estense. Seppe anche precorrere i tempi: esempio ne è Le stagioni del nostro amore (1966), un intreccio tra storia personale del protagonista e storia collettiva che mette in risalto lo scialbare delle speranze giovanili nate dalla Resistenza. Pochi mesi prima di morire, il 16 maggio del 2008, ricevette dall’Università di Ferrara la laurea honoris causa in Filosofia, fu l’ultimo saluto alla sua città. In quell’occasione pronunciò una lectio magistralis, dal titolo eloquente “La storia come passione civile”, incentrata sulle sue origini familiari che sono strettamente collegate alla storia del nostro territorio: «So che alla radice del mio lavoro, compiuto o incompiuto, c’è il mondo in cui sono nato. […] Mio padre aveva una convinzione: che tutti i guai del mondo derivassero dall’ignoranza e della propria era assolutamente consapevole. Non conosceva la parola ‘cultura’, usava la parola ‘istruzione’. […] Per questa convinzione voleva che i suoi figli e i suoi nipoti che ne avessero ancora la possibilità si istruissero, anche a costo di sacrifici».
Durante la serata sarà possibile acquistare in anteprima la versione aggiornata della sceneggiatura originale de La lunga notte del ’43 (La Carmelina), curata dall’Istituto di Storia Contemporanea e già pubblicata nel 1993 in occasione del cinquantesimo anniversario dell’Eccidio Estense per i tipi di Liberty House.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi