Home > COMUNICATI STAMPA > Prosegue il laboratorio di falegnameria e grazie a Un Bel Dì e al Metodo Cosquillas gli studenti del CPIA si trasformano in falegnami-attori

Prosegue il laboratorio di falegnameria e grazie a Un Bel Dì e al Metodo Cosquillas gli studenti del CPIA si trasformano in falegnami-attori

Shares

Da: Ufficio Stampa Il Giardino del mondo

La rappresentazione teatrale a cura del “Metodo Cosquillas” di Massimiliano Piva, a cui potremo assistere a maggio prossimo alla Factory Grisù, ha una scenografia ‘prêt-à-porter’ grazie agli attori-falegnami del CPIA!
Con il coordinamento di Alberto Minotti dell’Associazione Un Bel Dì prosegue, sabato 16 marzo, il laboratorio di falegnameria volto alla realizzazione di piccoli manufatti in legno che costituiranno parte della scenografia della pièce succitata. Al laboratorio stanno partecipando svariati studenti del CPIA di Ferrara, gli stessi che vestiranno i panni di attori e si esibiranno pubblicamente nel pomeriggio di sabato 4 maggio (ore 15.00).
I laboratori di teatro e falegnameria sono inclusi nell’ampio ventaglio di attività de’ “Il Giardino del mondo”, progetto vincitore del concorso “Io amo i beni culturali” edizione 2018, bandito da IBACN Emilia-Romagna.
L’Associazione Un Bel Dì nasce dall’idea di tre soci, tra cui l’ingegnere, progettista e formatore Alberto Minotti. L’obiettivo di Un bel Dì è quello di fare cultura creativa utilizzando il legno, progettando, realizzando e installando arredi ed allestimenti attraverso tecniche vecchie e nuove. Si (ri)usano e reinterpretano i materiali utilizzati che, assemblati insieme, danno vita a manufatti e arredi di vario genere.
Il regista Massimiliano Piva è ideatore del “Metodo Cosquillas”, un tipo di teatro mimico/gestuale, non parlato, se non per pochissime battute, che vuole far emozionare proprio attraverso le espressioni facciali e la mimica corporea. L’effetto finale sul pubblico è di grande impatto, è chiaro il messaggio che deve arrivare e chiara è l’emozione degli spettatori. La rappresentazione sviluppa il tema della discriminazione razziale e fa capire quanto, al contrario, è importante creare relazioni paritarie fra persone e sviluppare l’accoglienza e l’integrazione.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi