Home > COMUNICATI STAMPA > Prossimi appuntamenti al Museo Civico di storia naturale

Prossimi appuntamenti al Museo Civico di storia naturale

Tempo di lettura: 4 minuti

da: ufficio stampa Comune di Ferrara

Nell’ambito degli INCONTRI CON L’AUTORE organizzati dalla FESTA DEL LIBRO EBRAICO, si terranno al Museo Civico di Storia Naturale di via De Pisis, 24 due appuntamenti molto interessanti. Con Nelli-Elena Vanzan Marchini e il suo sensibile lavoro sulla straordinaria figura del medico Giuseppe Jona, presidente della Comunità Ebraica di Venezia nei cruenti anni 1940-43. E con Valentina Sereni, Delfina Piu e Massimo Pieri che ci porteranno a riflettere sui pressanti temi della tutela degli animali e della salvaguardia dell’ambiente, appassionatamente trattati nel loro libro.

lunedì 27 aprile, ore 17.00

Nelli-Elena Vanzan Marchini
“Giuseppe Jona nella scienza e nella storia del Novecento”
2014, CISO Veneto ed Edizioni Canova, Treviso.

Ne parlano assieme all’autore ( Presidente Centro Italiano di Storia Sanitaria e Ospedaliera del Veneto, Venezia) Riccardo Calimani (Presidente Fondazione MEIS, Ferrara), Emanuela Cariani (Museo Civico di Storia Naturale, Ferrara)

La ricerca della verità sulla dolorosa scelta di Giuseppe Jona (1866-1943), medico ebreo e presidente della Comunità Israelitica di Venezia, morto suicida il 16 settembre 1943, si snoda come un’indagine appassionata per ricostruire il profilo psicologico del professore e comprendere la situazione storica che lo indusse a scegliere la morte come un fermo atto di negazione della barbarie nazista che gli avrebbe imposto di riconoscere e segnalare gli ebrei veneziani avviandoli alla deportazione. Per cogliere l’eredità scientifica e culturale di Giuseppe Jona il libro propone anche due suoi saggi: “Venezia medica del Settecento” e “La nostra sala anatomica” che tra i tanti lavori scientifici del Professor Jona, testimoniano del profondo legame con la storia della sanità veneziana.

Scheda Autore

Nelli-Elena Vanzan Marchini
Specializzata in archivistica e paleografia, presidente del CISO Veneto, docente all’Università di Torino e di Padova, ha fondato e dirige la collana di fonti per la storia della sanità. Ha curato l’edizione in cinque tomi de “Le leggi di sanità della Repubblica di Venezia ” (Vicenza 1995- Treviso 2012). Ha all’attivo numerose pubblicazioni.

martedì 28 aprile, ore 17.00

Valentina Sereni, Delfina Piu, Massimo Pieri
“Il maiale è il nostro maestro. Animali ed ebrei un rapporto lacerato”
2015, Mimesis, Milano

Ne parla assieme agli autori (rispettivamente: Presidente Gerush92 Committee for Human Right; Insegnante – esperta di disabilità, Presidente di COBASE – Associazione Tecnico Scientifica di Base, Roma), Emanuela Cariani (Museo Civico di Storia Naturale, Ferrara)

La dicotomia fra uomo e natura non esiste nell’ebraismo: esso celebra il creato con la diversità delle sue creature, fra le quali l’uomo. L’ebraismo persegue l’equità ambientale e sociale, comanda il riposo della terra, degli animali e degli uomini, ordina la condivisione delle risorse e la periodica ridistribuzione della terra, vieta di far soffrire gli animali e di affliggerli nel lavoro, di mescolare le specie, di distruggere la diversità biologica; dispone regole alimentari con cui salvaguarda le specie, insegna a nutrirsi dei frutti della terra, ordina la distribuzione delle risorse secondo le necessità di ciascuna creatura, vieta la proprietà privata della terra, impone un limite allo sfruttamento dell’ambiente, ordina di combattere la povertà e di esercitare la scarsità da contrapporre allo sfruttamento intensivo. Molti contravvengono alle disposizioni con la convinzione, errata, che l’uomo sia il dominatore del mondo e il beneficiario unico del suo illimitato sfruttam ento. Le conseguenze di questa visione antropocentrica sono disastri ambientali, sociali, economici e crisi. Va ristabilito equilibrio e sobrietà del racconto della creazione e l’equità nella rete delle relazioni.

Schede Autori

Valentina Sereni, architetto, attiva nel restauro edilizio, vive e lavora a Roma. Esperta di diritti degli animali, diritti umani, risoluzione dei conflitti, razzismo, è presidente di Gherush92 Committee for Human Rights. Ha partecipato alla Conferenza Mondiale contro il Razzismo di Durban nel 2001 e alle successive. è autrice di vari articoli e pubblicazioni fra cui Red triumph over the expert.

Delfina Piu, insegnante di sostegno, esperta di disabilità, è studiosa di lingua e tradizioni ebraiche presso il Collegio Rabbinico Italiano. è membro attivo di Gherush92 Committee for Human Rights e partecipa ai lavori e alle pubblicazioni del Comitato.

Massimo Pieri, presidente di COBASE – Associazione Tecnico Scientifica di Base, Roma

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi