26 Settembre 2015

PUNTO DI VISTA
Ladri di democrazia e avvocati difensori

Francesco Lavezzi

Tempo di lettura: 4 minuti

Ad alcuni giorni di distanza da quanto accaduto all’incontro targato Pd sulla riforma della scuola con la presenza della ministra Stefania Giannini, la cosa che desta sorpresa, almeno a me, è la reazione di alcuni in difesa degli urlatori. Ridotta all’osso la questione si può riassumere così: poche decine di persone particolarmente contrarie alla riforma hanno ritenuto, per tutti gli altri, che fosse inutile sentire non solo la ministra, ma anche chiunque altro sull’argomento. Hanno ritenuto fosse talmente tempo perso da alzare il tono della protesta e della rabbia fino a causare l’annullamento della serata.
L’hanno fatto anche mostrando cartelli con sopra scritto: “Ladri di democrazia”. Ci può essere più di un fondato motivo per contestare, anche duramente, il metodo (oltre al contenuto) con cui è stata condotta in porto la riforma della “Buona scuola”, ma è legittimo domandarsi se in questo caso i ladri di democrazia non siano stati altri. Se le cose stanno così, sorprende che il mondo sindacale ferrarese, o almeno una parte, sia corso in aiuto di una causa che appare persa come poche altre.
Qui non si discute del merito della vicenda, perché non c’è stata nemmeno occasione per approfondire i temi della protesta, ma della modalità scelta, che fa a pugni con le parole libertà e democrazia. E se altri lo hanno fatto precedentemente non è giustificabile che si continui a farlo. Perché allora il sindacato, almeno in parte, si schiera senza battere ciglio con chi decide per tutti se sia il caso di ascoltare una voce, oppure con chi, nel sacrosanto diritto di tenere un’assemblea, ne fa subire le conseguenze a turisti arrivati a Roma da ogni angolo del pianeta per vedere il Colosseo, trovando i cancelli chiusi?
È comprensibile che a parlare con passione di certe cose possa andare il sangue alla testa, soprattutto quando si ha più di una ragione per pensare di non essere rispettati o che le cose stiano prendendo una piega sbagliata, ma se si fa piazza pulita anche dello spazio nel quale tutti hanno libertà di parlare la cosa cambia. Non ha torto Beppe Severgnini quando, ospite da Lilli Gruber, ha detto che il sindacato ultimamente sembra fare di tutto per rendersi antipatico. Il problema è che in tempi nei quali la democrazia non gode di una salute di ferro bisogna stare attenti perché, la storia insegna, c’è sempre il rischio che prima o poi qualcuno ne approfitti per buttare il bimbo insieme all’acqua sporca.
E ci si potrebbe anche chiedere cosa ci fa l’Anpi in difesa degli urlatori? Non è forse l’associazione che ricorda e diffonde in Italia la storia dei partigiani, cioè di chi è dovuto salire in montagna proprio per affermare quei valori democratici che qualcuno, quelli sì ladri, aveva rubato, provocando conseguenze disastrose che ancora fanno accapponare la pelle?
Una cosa ancora. Gli schiamazzatori si sono presi dei fascisti e delle merde. Sul secondo termine non è il caso di soffermarsi, tanto è palese il gorgo salviniano nel quale la discussione è trascinata, come precipitata, per fatale ironia, in una sorta di catino tutto ferrarese: sotto il livello del mare. Il termine fascista, invece, si presta ad alcune considerazioni. Occorrerebbe fare attenzione all’uso delle parole: molti pensano che siano gratis e prive di peso specifico, mentre in realtà bisogna cacciarsi nella testa che sono come il cameriere… prima o poi il conto lo porta sempre. È sbagliato usare un termine a sproposito. Ha ragione Fiorenzo Baratelli a farlo notare, fa troppo comodo dire sempre in questi casi: “fascista”. Si deve avere il coraggio e l’onestà di riconoscere che la mancanza di cultura democratica è un limite che ha abitato – e abita purtroppo ancora – sia nella cultura di destra che in quella di sinistra. Anche nella grande famiglia della sinistra hanno albergato culture, mentalità, visioni, teorie, scorciatoie (anche violente e armate), che in nome delle élites, delle avanguardie, dell’intellighenzia, hanno ritenuto di avere la verità ultima in tasca (scientifica, qualcuno direbbe con timbro ottocentesco), ritenendosi in dovere – non solo in diritto – di parlare e decidere per tutti. Non sono tutti fascisti, perché alcuni atteggiamenti hanno trovato – e trovano – anche nell’alveo della sinistra il terreno di nascita e di crescita. Può far comodo buttare sempre la palla nell’altra metà campo, ma con la storia non si scherza, se si vuole ascoltarne davvero la lezione.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Francesco Lavezzi

Laurea in Scienze politiche all’Università di Bologna, insegna Sociologia della religione all’Istituto di scienze religiose di Ferrara. Giornalista pubblicista, attualmente lavora all’ufficio stampa della Provincia di Ferrara. Pubblicazioni recenti: “La partecipazione di mons. Natale Mosconi al Concilio Vaticano II” (Ferrara 2013) e “Pepito Sbazzeguti. Cronache semiserie dei nostri tempi” (Ferrara 2013).
Francesco Lavezzi

Ti potrebbe interessare:

  • LA SALUTE DEL NOSTRO MARE
    Goletta verde è arrivata a Porto Garibaldi

  • Vertenza ex Gkn.
    Tavolo istituzionale a un’impasse

  • Diario di un agosto popolare
    6. FINCHÉ C’É LA SALUTE

  • mare

    Per certi versi
    La vita è come il mare

  • frammenti terracotta tegole

    ERNESTO BALDUCCI: UNA TESTIMONIANZA
    “Guardare con speranza ai segni del tempo”

  • Gli azzeccagarbugli servi dei padroni dell’energia

  • conchiglie mare sabbia

    PRESTO DI MATTINA
    Il pellegrino e la conchiglia

  • CHI TOCCA UNA TOCCA TUTTE

  • CI SIAMO ANCHE NOI …
    Save The Park, dove migliaia di uccelli hanno la loro casa

  • Cos’è la destra, cos’è la sinistra
    Il boomer, il ragazzo e il bambino senza memoria

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi