Home > Primo piano > Quando al potere c’era ‘Il divo’
il-divo
Tempo di lettura: 5 minuti

Guerre puniche a parte, mi hanno accusato di tutto quello che è successo in Italia. Nel corso degli anni mi hanno onorato di numerosi soprannomi: il Divo Giulio, la prima lettera dell’alfabeto, il gobbo, la volpe, il Moloch, la salamandra, il Papa nero, l’eternità, l’uomo delle tenebre, Belzebù; ma non ho mai sporto querela, per un semplice motivo, possiedo il senso dell’umorismo. Un’altra cosa possiedo: un grande archivio, visto che non ho molta fantasia, e ogni volta che parlo di questo archivio chi deve tacere, come d’incanto, inizia a tacere. Giulio Andreotti

il-divo

locandina del film

Un uomo che soffre di terribili emicranie e arriva a contornarsi il volto con l’agopuntura pur di lenire il dolore: questa la prima immagine di Giulio Andreotti ne Il divo, questa l’apertura.
Il film racconta “la vita spettacolare di Giulio Andreotti”, un vero e proprio pezzo della storia italiana, un uomo minuziosamente analizzato e descritto nei suoi modi di fare, di dire, nelle sue abitudini, nei suoi tic e nella sua postura. Sorrentino ripercorre i passaggi della vita di Andreotti, dalla fine della sua settima presidenza del consiglio, con la massima carica istituzionale del paese all’orizzonte, fino all’inizio del processo che lo vede accusato di associazione mafiosa, accusa dalla quale verrà assolto. Impeccabile e impenetrabile, il senatore a vita affronta serafico questa fase della sua esistenza, superando tutte le prove che la quotidianità, di volta in volta gli propone.
Il film è, per certi versi, spietato, impietoso, amaro, doloroso e lancinante. Unico.
La faccia di gomma (finta e inumana) di Toni Servillo, spesso deformata in chiave grottesca, tragica e ironica al tempo stesso, diventa simbolo crudele, forte, imperdonabile e inassolvibile della mediocrità dell’uomo medio al potere: quasi senza qualità e timore, e proprio per questo ahimè adatto a governare. Spesso l’espressione fissa e immutabile di questo grande attore ci suggerisce l’immobilismo e la staticità di una politica che “tirava a campare piuttosto che tirare le cuoia”. Anche il modo in cui è presentata la “corrente andreottiana”, neanche fosse una gang malavitosa, sottintende la completa e assoluta devozione dei compagni di partito al “capo”.

Il divo Giulio, assuefatto al potere e al quale si è completamente dedicato e consacrato, viene presentato come un uomo spesso inintellegibile, impenetrabile, le mani nodose (costantemente illuminate) che parlano al posto del viso, l’emicrania continua e persistente e il ricordo di Moro a tormentargli il cervello; il marito fedele che stringe la mano della moglie durante la splendida canzone di Renato Zero, Il Cielo, che scorre sullo schermo televisivo, un uomo che rimane anche per lei misterioso, fino alla fine. Lei, Livia, sua unica, vera e intima compagna.

il-divo

una scena del film

Una presa di coscienza individuale e collettiva quando il politico le confessa: “Livia, sono gli occhi tuoi pieni che mi hanno folgorato un pomeriggio andato al cimitero del Verano. Si passeggiava, io scelsi quel luogo singolare per chiederti in sposa – ti ricordi? Sì, lo so, ti ricordi. Gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sapevano, non sanno e non sapranno, non hanno idea. Non hanno idea delle malefatte che il potere deve commettere per assicurare il benessere e lo sviluppo del Paese. Per troppi anni il potere sono stato io. La mostruosa, inconfessabile contraddizione: perpetuare il male per garantire il bene. La contraddizione mostruosa che fa di me un uomo cinico e indecifrabile anche per te, gli occhi tuoi pieni e puliti e incantati non sanno la responsabilità. La responsabilità diretta o indiretta per tutte le stragi avvenute in Italia dal 1969 al 1984, e che hanno avuto per la precisione 236 morti e 817 feriti. A tutti i familiari delle vittime io dico: sì, confesso. Confesso: è stata anche per mia colpa, per mia colpa, per mia grandissima colpa. Questo dico anche se non serve. (…) Tutti a pensare che la verità sia una cosa giusta, e invece è la fine del mondo, e noi non possiamo consentire la fine del mondo in nome di una cosa giusta. Abbiamo un mandato, noi. Un mandato divino. Bisogna amare così tanto Dio per capire quanto sia necessario il male per avere il bene. Questo Dio lo sa, e lo so anch’io”. Parole dure, di pietra. Perché i “nuovi mostri” siamo noi, avrebbe detto Risi.

di Paolo Sorrentino, Italia 2008, 110 mn.
Cast: Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Giulio Bosetti, Flavio Bucci, Carlo Buccirosso, Giorgio Colangeli, Piera Degli Esposti, Alberto Cracco, Lorenzo Gioielli, Paolo Graziosi, Gianfelice Imparato, Massimo Popolizio, Aldo Ralli, Giovanni Vettorazzo.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
UN ALTRO ANTROPOCENE
“Non coglierai i fiori. Solo il fiore che lasci sulla pianta è tuo.”
DIARIO IN PUBBLICO
L’indolenza: effetto collaterale del Covid
Il sasso di Gino Strada
SCHEI
Il Diavolo veste Prada (e paga coi soldi del Vaticano)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi