Home > IL VILLAGGIO DELLA NUOVA VITA / RUBRICA > Quel puntolino in fondo alla pianura, in attesa che la manna piova dall’alto

Quel puntolino in fondo alla pianura, in attesa che la manna piova dall’alto

ferrara-aerea
Tempo di lettura: 3 minuti

Vista dall’alto dell’aereo che punta verso Est, Ferrara è un puntolino quasi invisibile, pochi secondi e si è già sulla palude di Venezia, la meravigliosa città in putrefazione, mangiata dalle pantegane, che sono enormi, panciute, loro digeriscono tutto, presto anche il campanile di San Marco e la speranza è una sola, che non diventino un boccone prelibato dei ristoranti alla moda, nouvelle cuisine consigliata dai grandi gourmiers oggi divenuti i marlonbrando della nostra asfittica televisione dominata, a suon di miliardi (nostri), dai Bruno Vespa, dai Giletti, dalle Venier e quant’altri abbia l’occasione di passare di lì e abbia disponibile una buona lingua avvezza al letamaio. Che dicevo? Ah, si, parlavo del puntolino Ferrara, che dall’aereo sparisce così in fretta alla vista del viaggiatore. Meglio così, Ferrara merita poco purtroppo, di tanto in tanto risorge dalle nebbie di un distratto letargo, e di un oblìo anche da parte dei suoi stessi abitanti, i quali hanno inventato, credo per loro stessi, l’aggettivo qualificativo “inculent”, che è un peggiorativo onomatopeico di indolente: i ferraresi sono inculenti, hanno passato grandi stagioni di effervescenza sociale e politica, ma ora si sono addormentati nelle vetrine di negozi sempre più poveri di merce, mentre si riempiono di paccottiglia quelli dei cinesi: è così che vive oggi il ferrarese, di paccottiglia, anche politica, oddìo se di politica si può parlare oggi in Italia, paese che ha tagliato i ponti perfino con se stesso. E Ferrara, da questo punto di vista, appare comunità emblematica, luogo che aspetta dall’alto una manna che non arriva e mai potrà arrivare; Ferrara è come ubriaca di vino di birra di pasticche, ogni politicante tira l’acqua al suo mulino e si inventa leader di nulla, cioè di piccoli movimenti senza significato sociale, senza ideologia, senza un pensiero da cui muovere, perfino la banca cittadina, quella che teneva in pugno l’economia locale, è in crisi speriamo non irreversibile, la gente ha paura di muoversi, di prendere una qualsivoglia iniziativa. Ha paura ed è caduta nell’inculenzia. Facile dire che si stava meglio quando tutti (che non fossero appartenenti a una borghesia chiusa in se stessa, arrogante e spesso anche ignorante), dicevo quando tutti erano comunisti: almeno si sapeva dove andare a sbattere la testa, c’era un partito (e questo era male, molto male) che pensava per chi non aveva testa, o voglia, o ideale. L’assenza di quel partito maledetto dai padroni e invece salvezza anche per i padroni, si fa sentire pesantemente nel momento più acuto e drammatico della crisi economica, che non è soltanto economica, ma principalmente ideologica, culturale, in cui la mancanza di solidarietà è la cifra contro la quale inutilmente andiamo a cozzare. Siamo poveri, poveri di spirito, speriamo che sia nostro il regno dei cieli.

Commenta

Ti potrebbe interessare:
DI MERCOLEDI’
La macchina del vento
PRESTO DI MATTINA
Si sta come coppi sui tetti
Buoni consigli
DIARIO IN PUBBLICO
Ce l’hai la tessera?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi