Home > COMUNICATI STAMPA > Quote latte: la regione può intervenire

Quote latte: la regione può intervenire

Da: Lega Nord Emilia Romagna

BARGI E GOLINELLI: “QUOTE LATTE: LA REGIONE PUO’ INTERVENIRE: AGISCA IN AIUTO DEGLI ALLEVATORI”

La Regione recepisca l’articolo 4 del Decreto Emergenza e sospenda le azioni di Agrea nei confronti dei produttori. Lo ha già fatto il Friuli concordando la costituzione di un tavolo tecnico per sospendere le procedure di recupero e attivare il ricalcolo degli esuberi. L’Emilia Romagna non può e non deve accumulare ritardi che finiscono per pesare inevitabilmente sulle tasche degli allevatori e sull’economia del comparto”.

Così il deputato Lega Guglielmo Golinelli e il capogruppo Lega Nord in Regione, Stefano Bargi, intervengono sulla vicenda delle quote latte, dopo l’appello lanciato da Copagri.

“Il 13 giugno è stata istituita una Commissione ministeriale dopo quello che ha dichiarato il Tribunale di Roma rimarcando gli errori commessi da Agea. La nostra intenzione è fare chiarezza uma volta per tutte e porre fine alla questione”, spiega Golinelli.

Ma nel frattempo le Regioni, in ottemperanza al Decreto Emergenze, hanno facoltà di intervenire per chiedere la sospensione dei prelievi che continuano a distanza di anni a vessare gli allevatori.

“Se le Regioni a guida centrodestra si sono mosse per assicurare agli allevatori un periodo di sospensiva fino a quando sulla vicenda delle quote non sarà fatta piena chiarezza”, aggiunge Bargi riferendosi agli esiti della Commissione che chiuderà probabilmente i lavori in dicembre “non si capisce il motivo per cui non lo debba fare anche l’Emilia Romagna, rispondendo in modo positivo alla richiesta di Copagri e degli stessi allevatori interessati”.

Il capogruppo ricorda come il Veneto abbia “istituito recentemente una commissione regionale d’inchiesta sul tema e concordato la costituzione di un tavolo tecnico tra Mipaaft e le Regioni interessate per valutare gli strumenti normativi funzionali alla sospensione delle procedure di recupero e per attivare il ricalcolo degli esuberi produttivi” e quindi sollecita l’ente Emilia Romagna a “dare il proprio contributo attivando fin da subito le proprie competenze in materia”.

Da: Lega Nord Emilia Romagna

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi