Home > COMUNICATI STAMPA > Rai2 tra Jolanda e Tresigallo: Il Grande Torino e Rubens Fadini

Rai2 tra Jolanda e Tresigallo: Il Grande Torino e Rubens Fadini

Da: Organizzatori

Dopo il documentario su Primo Levi, la giornalista Laura Gialli torna nel ferrarese per girare alcune scene del futuro documentario dedicato al Grande Torino.
L’idea dell’opera è di Stefano Muroni, il quale quest’anno uscirà col suo romanzo d’esordio dal titolo provvisorio “Campione per sempre”. Protagonista dello scritto sarà Rubens Fadini, giocatore perito a Superga, ma nato nel comune di Jolanda di Savoia nel 1927.
Infatti, il 4 maggio del 1949, la squadra di calcio più forte del mondo, il Grande Torino, tornava da Lisbona dopo aver partecipato ad una amichevole contro il Benfica. La nebbia, la stanchezza, forse un errore umano, portano l’aereo a schiantarsi contro la collina di Superga, alle porte di Torino.
Periscono tutti, anche Rubens Fadini, il giocatore più giovane, quello più promettente (dicevano che sarebbe diventato il nuovo Mazzola), il più dimenticato.

“Non è facile convincere Rai 2 a produrre un documentario che nasce da una tua idea. Sono fiero, in così poco tempo, di riportare le telecamere della Rai sul nostro territorio. Saremo in via Rubens Fadini, a Jolanda, dove parlerò della storia di Rubens, e ho convinto Laura Gialli a dedicare anche qualche minuto alla Tresigallo Calcio, che quest’anno si sta preparando per il Centenario”. Stefano Muroni

Nel documentario Rai, Stefano Muroni parlerà del suo romanzo e della storia sconosciuta di Fadini.
Fin da bambino sogna di diventare un calciatore senza essere capito dal padre, il quale lo vuole un semplice e onesto lavoratore, dopo però aver frequentato elementari e avviamento. Ma la voglia di dare calci ad un pallone è grande, e Rubens inizia di nascosto ad allenarsi nella squadra più vicina a casa, il Tresigallo Calcio, ma senza successo, essendo subito scoperto dalla famiglia.
Dopo anni di malumori col padre, ricatti e violenze, i Fadini si trasferiscono a Milano per lavorare in un’azienda di funivie, ma il destino vuole che in quella fabbrica giochi la Dopolavoro calcio, dove Rubens si mette subito in mostra.
Nemmeno la guerra e i bombardamenti su Milano fermeranno il sogno del ragazzo, il quale nel 1946 viene comprato dalla Gallaratese, sqaudra in provincia di Varese, in serie B.
E’ il suo primo grande ingaggio, una meravigliosa vetrina per farsi notare.
Nemmeno tre anni che il Torino gli mette gli occhi addosso.
“A Gallarate il Torino ha trovato il nuovo Mazzola”, scriverà un giornalista.
Sei mesi di maglia granata, dieci presenze, un gol contro il Milan – e quando Rubens non gioca il Torino perde – la partecipazione a Lisbona, la morte che lo attende a Superga.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi