COMUNICATI STAMPA
Home > COMUNICATI STAMPA > Ravenna ha ospitato il premio nobel per la Medicina Mario Capecchi

Ravenna ha ospitato il premio nobel per la Medicina Mario Capecchi

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa Alberto Mazzotti

Oggi in visita a Ravenna il professor Mario Capecchi, premio Nobel per la medicina 2007.

Un grande personaggio della ricerca mondiale è stato oggi in visita a Ravenna. Nella giornata odierna Mario Capecchi, premio Nobel 2007 per la medicina, veronese di nascita ma statunitense di adozione fin da bambino, ha scelto di trascorrere alcune ore a Ravenna mentre stava svolgendo una serie di lezioni accademiche in collaborazione con l’Università di Bologna.

La possibilità di soddisfare il desiderio del professore, accompagnato a Ravenna da un gruppo di colleghi iraniani e da alcuni giovani studenti sardi, è stata soddisfatta grazie all’impegno organizzativo della cooperativa Eta Beta e al sostegno di Unipol, cooperativa Zerocento, Comune di Ravenna e Lega delle Cooperative. Capecchi è stato ospite a pranzo ai “Passatelli” di Via Ponte Marino – alla presenza di diverse personalità cittadine, fra cui il direttore generale del Comune, Carlo Boattini – e quindi ha visitato i principali monumenti cittadini.

“Sono contento di essere ospite di una città così bella e accogliente, che non avevo mai avuto modo di visitare. Era un mio sogno, spero di poter tornare presto”, ha detto Capecchi visibilmente soddisfatto.

Nato nel 1937 a Verona, Capecchi si trasferì negli Stati Uniti subito dopo la fine della guerra seguendo la madre, un’artista statunitense che era stata deportata a Dachau come prigioniera politica. Laureato in Chimica e Fisica, ha insegnato prima ad Harvard e poi, dal 1973, alla Università dello Utah, stabilendosi definitivamente a Salt Lake City. Nel 2007, assieme a due colleghi, è stato insignito del Nobel per la medicina grazie agli studi di genetica su tecniche cosiddette di “gene targeting”, messe a punto attraverso l’utilizzo di cellule staminali embrionali: una tecnica che sta contribuendo in modo significativo allo studio di molte malattie come il cancro, oltre che allo studio dei processi di embriogenesi, ed alle discipline dell’immunologia e della neurobiologia.

 

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi