6 Ottobre 2016

Referendum: realtà o finzione?

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 8 minuti

Quanto è importante occuparsi del prossimo referendum costituzionale? Forse tanto, perché, come dice qualcuno, la luna potrebbe uscire dall’orbita terrestre a seconda dell’esito. O forse poco, perché in fondo si sta cercando di cambiare una Costituzione già disapplicata nella maggior parte dei suoi articoli, anche di quelli fondanti e fondamentali.

In ogni caso bisogna prendere atto che siamo già stati catturati dall’argomento e catapultati nella campagna elettorale, complice anche la personalizzazione che questo Governo ha voluto dare all’evento. E che quindi gli schieramenti sono già pronti e hanno cominciato a darsi battaglia.
Da una parte e dall’altra insigni costituzionalisti o semplici giuristi, parlamentari navigati o semplici militanti di partito, industriali e grande finanza oppure semplici cittadini, per finire agli operai e ai volontari, si stanno già affrontando nelle pubbliche piazze, nei giornali o negli spot pubblicitari, tra l’altro in molti casi offensivi della comune intelligenza.

Su Micromega l’ex parlamentare comunista Raniero La Valle scrive un resoconto molto ben dettagliato sulla truffa del referendum e ricorda che cosa c’è in ballo nel mondo mentre noi giochiamo con la Costituzione. Profughi da sistemare, guerre sempre più cruente, una catastrofe ambientale che incombe ed economie nazionali in affanno.
E poi, che avremmo bisogno di capire come dare da mangiare a 7 miliardi di persone, come affrontare la speculazione finanziaria, come approcciarsi nei confronti di ambigui dittatori, uno come il turco Erdogan per esempio. E come dimenticare, inoltre, la crescita zero, la disoccupazione troppo alta, il futuro offuscato dei nostri giovani e via di questo passo.

Del resto anche Paolo Barnard, che solitamente capisce prima degli altri le cose, ci ricorda a modo suo e dal suo blog che la nostra Costituzione è già stata superata con l’entrata in vigore del Trattato di Lisbona che ne ha sancito la sudditanza, che non possiamo più decidere sulla legge di bilancio senza il parere di Bruxelles e che gli interessi della UE vengono prima di quelli italiani. Abbiamo perso qualsiasi discrezionalità su spesa e tassazione già prima, e senza bisogno, del referendum. Ad oggi, scrive Barnard, gli art. 4, 11, 35, 36, 41, 42, 43, 47, 54, 87, 81, 90, 97, 98, 100, 117 e 134 sono già diventati carta straccia.

Personalmente affronto l’argomento referendum per strati. Trovo assolutamente fondato quanto scritto da altri e riportato sopra, cioè sapere davvero cosa stiamo affrontando, almeno quanto trovo fondamentale imparare ad esercitare la nostra capacità di intervento nella cosa pubblica ogni volta che ce ne viene concessa l’occasione. Bisogna imparare a non distrarsi e dare segnali di discontinuità. Ma capire anche che se ci si impegna per il No, e questo vince, sarà solo l’inizio e avremo ben poco da festeggiare.

E per dare un contributo e un senso a quanto affermato voglio parlarvi di un documento che si chiama “5 Presidents report”, il sottotitolo è “Completare l’Unione monetaria ed economica dell’Europa” https://ec.europa.eu/priorities/publications/five-presidents-report-completing-europes-economic-and-monetary-union_en. Si tratta di una relazione scritta da Jean-Claude Junker con l’aiuto di Donald Tusk, Jeroen Dijselbloem, Mario Draghi e Martin Schulz, ovvero, nell’ordine, dal Presidente della Commissione Europea, dal Presidente del Consiglio Europeo, dal Presidente dell’Eurogruppo, dal Governatore della BCE e dal Presidente del Parlamento Europeo. Tutti i Presidenti delle Istituzioni europee che fanno la vera differenza nella qualità della nostra vita, e la fanno già, a prescindere dall’esito del referendum costituzionale di dicembre, tant’è vero che già ragionano e scrivono come se la nostra Costituzione non esistesse.

Questa relazione indica le priorità dell’Unione Europea, cioè cosa deve essere fatto nei prossimi anni perché l’Unione Economica e Monetaria diventi sempre più stringente tra i Paesi aderenti, in particolare tra quelli che hanno adottato l’euro. Sono appena 26 pagine, quindi facili da leggere, e tra esse ogni tanto si parla di “decisioni legittimate democraticamente” ma non si spiega mai come questo debba avvenire.
Anzi, l’Unione Politica, che pur si auspica, è solo l’ultima delle fasi, che viene dopo il raggiungimento di una Unione Economica autentica, e quindi i Paesi siano strutturalmente uguali, che si sia completata prima l’Unione Finanziaria, cioè la condivisione dei rischi tra pubblico e privato, e dopo, ovviamente, l’Unione di Bilancio, cioè che sostenibilità e stabilizzazione del bilancio siano ormai una realtà.
L’unione Politica, che chiunque metterebbe al primo posto perché prima di tutto bisognerebbe condividere ideali e visioni di vita, viene relegata all’ultimo posto, a sostegno dell’idea che ormai la Politica nulla conta rispetto al dio denaro e al potere finanziario. In ultimo, e solo dopo che la Grecia sia diventata strutturalmente uguale alla Germania, cioè dopo che molti Paesi da unire siano stati definitivamente trasformati in qualcosa di nuovo e diverso, non richiesto dalle loro popolazioni.

Di questi giorni è la notizia della vendita, proprio in Grecia, delle compagnie di acqua ed energia elettrica, oltre ad un ulteriore taglio delle pensioni. Eventi che seguono la vendita a società tedesche di aeroporti e altre aziende strutturali di quel Paese. Questa è la sintesi della convergenza strutturale degli Stati europei.
Quale Costituzione potrebbe permettere tutto questo? Domanda retorica e quindi si capisce perché bisogna cambiarle, mentre nel pratico sono già state superate dai fatti, grazie all’incapacità dei nostri rappresentanti politici che solo a parole perseguono i nostri interessi.

Lo step dell’Unione Finanziaria raccomanda invece la condivisione dei rischi tra pubblico e privato. Prendere il caso CARIFE e allargarlo all’Europa per una più corretta comprensione, lo Stato che non deve intervenire a sostegno dei cittadini. Qui la curiosità sarà vedere come la Germania si comporterà con il caso Deutche Bank visto che già in passato non ha lesinato aiuti alla sue banche. Del resto, i forti fanno quello che vogliono mentre i deboli devono attenersi alle loro regole.
Il sistema dei 5 Presidents dovrà essere però sostenibile, cioè sostenuto dai pareggi di bilancio e dall’assenza di deficit pubblico.
In pratica lo Stato dovrà occuparsi solo di mantenere il pareggio di bilancio e non spendere in eccesso rispetto alle entrate. Anche se si trattasse di spendere per costruire ospedali e scuole o dare servizi, pensioni e lavoro se non coincidenti con le necessità degli interessi finanziari della futura Unione Europea, l’imperativo è “tenere i conti a posto”.

Addirittura viene prevista un’Autorità per la Competitività, giusto per rendere chiaro che nel recinto gli ossi saranno sempre scarsi e che per emergere bisognerà mordere e lottare, come nella giungla. Magari in un mondo perfetto si sarebbe pensato ad un’Autorità per la condivisione e la cooperazione o per lo sviluppo economico equo e solidale tra i Paesi aderenti.Questo per permettere uno sviluppo armonico tra Paesi con caratteristiche differenti, più o meno forti, più o meno votati all’export o al mercato interno, insomma a compensazioni date le differenze strutturali tra Germania e Grecia o Portogallo o Italia. Ma questo solo in un mondo perfetto ovviamente, non nell’Europa a trazione teutonica, dove il più forte plasma gli altri e se questi non ce la fanno, debbono arrangiarsi oppure perire.

Ecco, in Europa le Costituzioni degli Stati sono già defunte, già superate, ben prima di eventuali referendum o scelte dei cittadini. In Europa già si parla della trasformazione degli Stati, della convergenza verso standard utili pur sempre a pochi, perché i popoli europei, di certo, non hanno alcuna convenienza nell’adottare questi standard economico-finanziari avulsi dalle reali esigenze umane.
Ma tant’è, nessuno se ne sta preoccupando, rincorriamo con un Sì o un No qualcosa che di fatto non esiste già più, mentre dovremmo concentraci su chi ci sta distraendo dai veri problemi, dall’origine dei nostri mali.

E cosa fare allora, restare a casa il 4 dicembre? Non credo proprio!
Si vada a votare, ma con spirito critico, senza pensare che sia davvero determinante per il nostro futuro. Con la giusta consapevolezza però, sapendo che la vittoria del Sì legittimerebbe ancor di più questo tipo di report e di volontà sovranazionali. Ma anche che un No poco informato non cambierebbe realmente le cose, non bloccherebbe i piani della grande finanza internazionale e di quelli che già da anni, ignorando le Costituzioni democratiche dei popoli, modificano il tenore delle nostre vite.

Per il testo del Report https://ec.europa.eu/priorities/publications/five-presidents-report-completing-europes-economic-and-monetary-union_en
Per la relazione di Raniero La Valle http://temi.repubblica.it/micromega-online/la-verita-sul-referendum/
Per il Blog di Paolo Barnard http://paolobarnard.info/



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • Una brutta campagna elettorale:
    due tristezze e due proposte

  • NON SERVE “IL DOCENTE ESPERTO”.
    Fare scuola è come fare il ragù: competenza e passione

  • lotus

    Parole a capo /
    Giovanni Drogo: Haiku di vita quotidiana

  • Addio Sandy!

  • Diario di un agosto popolare
    8. STELLE CADENTI

  • Il ritorno dell’inflazione e dei tassi d’interesse.
    Il sistema si autoassolve a spese dei cittadini

  • Walden – Andare per boschi

  • Vecchi, ricchi, “condizionati” … e una gran paura della morte:
    cronaca di un dialogo impossibile

  • La tirannia del tempo
    …un racconto

  • SENZA UN’IDEOLOGIA IL PD HA PERSO LA SUA IDENTITÀ.
    Corre verso il Centro e non convince gli italiani.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi