Home > COMUNICATI STAMPA > Regione, il sottosegretario Rossi alla Lega Nord: “Legittima la scelta dell’Assessore Venturi di optare per la retribuzione dell’Azienda Ausl dalla quale dipende. Il nostro impegno sul risparmio sui costi vale, già ora, 15 milioni di euro”

Regione, il sottosegretario Rossi alla Lega Nord: “Legittima la scelta dell’Assessore Venturi di optare per la retribuzione dell’Azienda Ausl dalla quale dipende. Il nostro impegno sul risparmio sui costi vale, già ora, 15 milioni di euro”

logo-regione-emilia-romagna
Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia-Romagna

“C’è un tema generale che riguarda il risparmio sui costi, che occorre considerare nella sua complessità per evitare di leggere strumentalmente singoli dati. Ricordo che questa Giunta ha varato, in questi giorni, provvedimenti che valgono 15 milioni di euro, tra tagli alle indennità e risparmi sulle strutture speciali. Discutibile, quindi, la critica della Lega Nord alla scelta dell’Assessore Venturi – perfettamente legittima sotto ogni profilo normativo – di optare per la retribuzione erogata dalla amministrazione dalla quale dipende in luogo dell’indennità da assessore”.
Il sottosegretario alla Presidenza, Andrea Rossi, è intervenuto nel corso della seduta di oggi all’Assemblea legislativa rispondendo ad una interrogazione della Lega Nord, nella quale si chiedeva conto della scelta di Venturi.
“E’ sbagliato – ha spiegato Rossi – ridurre l’apporto di una figura di alto profilo professionale come Venturi alla sua retribuzione, perché così facendo si rischia di allontanare dalla amministrazione pubblica proprio quelle figure che possono dare un contributo significativo alla qualità delle azioni amministrative. Tra l’altro, la scelta di Venturi non comporta nessun aumento di costi per il sistema pubblico”.
“Voglio ricordare – ha affermato il Sottosegretario – che proprio nei giorni scorsi abbiamo sottoposto, nel loro contratto, ai Direttori della sanità (generali, sanitari, amministrativi), una riduzione della retribuzione di risultato per una percentuale massima che passa dal 20 al 10% del compenso, per un valore stimato di poco inferiore ai 3 milioni di euro”.
“E’ quindi evidente – ha concluso Rossi – che il tema generale del risparmio sui costi è una priorità assoluta, che abbiamo considerato tale fin dal nostri insediamento e che stiamo concretizzando con azioni concrete e verificabili”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi