Home > COMUNICATI STAMPA > Regione, la nomina dei direttori generali è legittima: il Tar respinge l’annullamento richiesto dal sindacato Direr

Regione, la nomina dei direttori generali è legittima: il Tar respinge l’annullamento richiesto dal sindacato Direr

Tempo di lettura: 2 minuti

da: ufficio stampa giunta regionale Emilia Romagna

I giudici amministrativi confermano la correttezza della nomina ai vertici delle quattro nuove Direzioni generali istituite nell’ambito della riorganizzazione della macchina regionale: “Nulla in favore di soggetti esterni”

Bologna – E’ pienamente legittima la nomina dei direttori generali della Regione decisa lo scorso 25 gennaio dalla Giunta.

Lo ha stabilito il Tar dell’Emilia-Romagna, respingendo la richiesta di sospensiva presentata dal sindacato dei dirigenti DIRER, secondo il quale la scelta dell’esecutivo regionale sarebbe stata non conforme alle norme.

Viceversa, il Tar ha sancito la regolarità della nomina ai vertici delle nuove Direzioni generali (‘Gestione, sviluppo e istituzioni’; ‘Cura del territorio e dell’ambiente’; ‘Economia della conoscenza, del lavoro e dell’impresa’; ‘Agricoltura’), istituite nell’ambito della riorganizzazione della macchina regionale, respingendo la richiesta di annullamento degli incarichi, previa sospensione dell’efficacia.

Allo stesso modo, ha respinto la richiesta di annullamento della delibera della Giunta sulle ‘Linee di indirizzo della riorganizzazione della macchina amministrativa regionale’ e dei successivi atti collegati.

Il Tar ha infatti stabilito che “i ricorrenti non hanno comprovato che dal provvedimento impugnato derivi ad essi un pregiudizio connotato da particolare gravità e attualità”, rilevando, si legge sempre nell’ordinanza, “l’inconsistenza – al fine della valutazione circa l’esistenza di pregiudizio di particolare gravità – dell’argomentazione rilevante che il conferimento degli incarichi di direttore generale sia avvenuto in favore di soggetti esterni alla Regione”.

Oltre a rigettare l’istanza, il Tar ha condannato il sindacato DIRER al risarcimento, in favore della Regione, delle spese di giudizio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi