Home > INTERVENTI > Replica AUSL sul caso della bambina milanese: una conferma della spoliazione dei servizi presso l’ospedale del Delta

Replica AUSL sul caso della bambina milanese: una conferma della spoliazione dei servizi presso l’ospedale del Delta

Tempo di lettura: 3 minuti

da: Comitato di Salvaguardia Ospedale del Delta

Interveniamo sul comunicato dell’AUSL in merito al caso della piccola bambina milanese, soccorsa sabato
scorso a Lido degli Estensi, condotta presso l’Ospedale di Cona invece che al Delta: ancora una volta l’AUSL smentisce se stessa e rafforza le preoccupazioni del nostro Comitato, e di buona parte della Cittadinanza, in merito alla progressiva spoliazione dei servizi presso l’Ospedale del Delta. L’AUSL ritenendo, implicitamente, che il nosocomio di Lagosanto non fosse l’Ospedale più idoneo per un intervento pediatrico indicato come “benigno” (certamente non sindachiamo sulle constatazioni del personale 118 intervenuto e sulla necessità di ulteriori indagini, trattandosi di un “primo episodio” per la piccola bambina milanese): è palese che tanto l’AUSL quanto l’AOU Sant’Anna ritengono l’Ospedale del Delta una struttura inadeguata dato che la presenza di un Medico Pediatra H24, da porre in essere (a dichiarazione scritta della stessa AUSL) entro il 2013, è stata disattesa e non è stata ancora ripristinata e dato l’eclatante mancato ripristino dell’Ambulatorio Pediatrico degli Accessi Diretti, che ricordiamo essere “temporaneamente sospeso dal 19 novembre 2012”, nonostante quasi 10.000 firme raccolte, tra le quali quelle dei Sindaci del Basso ferrarese che troviamo “latitanti” per le questioni inerenti il nosocomio della cittadinanza che gli ha eletti, elezione che ha conferito loro anche l’incarico di Prima Autorità Sanitaria Locale. Tutto ciò alla faccia delle dichiarazioni trionfalistiche, sempre dell’AUSL e dell’AOU Sant’Anna, circa millantati ripristini e potenziamenti di cui abbiamo letto in questi mesi, complice il probabile approssimarsi delle scadenze elettorali. Sarebbe opportuno che i vertici delle due Aziende Sanitarie decidessero di far seguire i fatti alle parole (per lo più di sola natura propagandistica, i fatti che dimostrano ciò sono indiscutibili), come sarebbe opportuno che la smettessero di confidare sulla pura fortuna per esorcizzare decorsi infausti della futura utenza pediatrica. Inoltre si chiede la situazione anche del personale infermieristico del Reparto di Pediatria del Delta, chiedendo se vi sono stati tagli anche su questi operatori: se così fosse sarebbe decisamente un fattore di grave rilevanza, in quanto rileverebbe le reali volontà di ambedue le Aziende Sanitarie, ossia il non ripristinare il Reparto Pediatrico del Delta con conseguente danno a tutti i principi che concorrono alla tutela dell’infanzia così come da Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che così recita tra i principi fondamentali: “Superiore interesse (art. 3): in ogni legge, provvedimento, iniziativa pubblica o privata e in ogni situazione problematica, l’interesse del bambino/adolescente deve avere la priorità.”.

Commenta

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi